Stendersi al sole dopo il bagno a mare fa male. Ecco perché

Bisogna evitare di stendersi al sole dopo il bagno a mare. Stendersi al sole dopo il bagno a mare è un’abitudine che hanno moltissimi. In tanti pensano che il sale contenuto nell’acqua di mare e il sole facciano bene alla pelle e la rassodino. È bene, invece, non stendersi al sole subito dopo il bagno di mare. Il consiglio arriva dal professor Antonino Di Pietro, dermatologo di fama internazionale e presidente dell’Isplad, la Società internazionale di dermatologia plastica, estetica e oncologica. «I cristalli di sale contenuti nell’acqua di mare – scrive l’esperto sul sito – amplificano l’effetto dei raggi solari come tanti piccoli specchi e quindi, anziché rassodare come si pensa, favoriscono una maggiore disidratazione e possono seccare eccessivamente la pelle. Consiglio quindi, a chi non ha la pelle grassa, tendente all’acne o soffre di psoriasi, di fare sempre una doccia per lavare via il sale dopo avere fatto il bagno in mare e prima di stendersi al sole». Per il professore Di Pietro anche la scelta del luogo dove stendersi a prendere il sole è importante. La sabbia e l’acqua di mare riflettono i raggi solari potenziandone l’azione. Quindi, se è vero che in spiaggia e in barca ci si abbronza più facilmente, è anche più facile ustionarsi.

Perché fare la doccia dopo il bagno in mare? La doccia rimuove eventuali contaminanti che sono rimasti sulla pelle, diluisce i batteri con i quali si viene a contatto e rimuove il sale che secca la pelle. Ecco alcuni consigli per evitare che la pelle si secchi troppo, si disidrati e sul viso si formino rughe. Evitare di stendersi al sole subito dopo il bagno senza avere fatto prima una doccia con l’acqua dolce. Asciugarsi sempre bene prima di esporsi ai raggi e preferibilmente cambiare il costume bagnato. Stendere il prodotto di protezione solare ogni due ore e dopo ogni bagno. A fine giornata usare un prodotto Doposole stendendolo abbondantemente su corpo e viso almeno due volte. Non trascurare mai l’idratazione bevendo centrifugati, spremute e almeno due litri di acqua al giorno cominciando già al mattino appena alzati.

Perché evitare il costume bagnato? «Perché le gocce concentrano i raggi solari – dice il professor Di Pietro – e la pelle rischia di scottarsi più rapidamente; per lo stesso motivo suggerisco di evitare di indossare a lungo il costume bagnato oltre al fatto che l’umidità è il “nido” ideale per germi e funghi. Inoltre dopo ogni bagno e anche ogni due ore quando siete in spiaggia e bene stendere una protezione solare anche se siete all’ombra. Poi, a fine giornata, quando tornate a casa suggerisco di fare una doccia, usando un sapone non aggressivo, e poi di stendere un prodotto doposole che ha un effetto idratante, lenitivo e anche rinfrescante. Vi consiglio, però, di farlo due volte a distanza di dieci minuti l’una dall’altra: la prima applicazione è subito assorbita dalla pelle mentre con la seconda si assicura una maggiore idratazione e sollievo alla pelle irritata dal sole. Ma per avere una pelle sana consiglio di non trascurare mai l’idratazione bevendo almeno due litri di acqua al giorno iniziando già dal mattino, appena alzati».

Torna in alto