Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cento anni fa veniva presentato alla famiglia reale il Carro FIAT 2000
Cefalunews

Cento anni fa veniva presentato alla famiglia reale il Carro FIAT 2000

Il sogno di ricostruire il primissimo carro armato italiano è diventato realtà

Il 2 aprile 1919 allo stadio Flaminio di Roma veniva presentato al re Vittorio Emanuele III di Savoia e alle autorità militari, il carro pesante FIAT 2000. L’esibizione dimostrativa dinamica di questa imponente macchina da guerra che in quell’occasione adottò i colori mimetici (al seguito di alcuni mezzi blindati su ruote, al carro Renault 17 mitragliatrice e a un carro Renault 17 con obice da 105 mm.), fu organizzata dai vertici dello Stato Maggiore per far conoscere all’opinione pubblica le potenzialità di questa nuova arma.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Piperina e Curcuma PLUS, l'unico integratore che ti fa perdere peso

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Infatti, come per i nuovi armamenti di quell’epoca, anche i carri armati furono fondamentalmente impiegati per sostenere la fanteria sia nell’attacco sia in difesa. Pertanto, il compito del carro fu essenzialmente d’ausilio alla fanteria la quale si avvalse di un’ulteriore maggiore potenza di fuoco. Infatti, nella battaglia di Cambrai (20 novembre – 3 dicembre 1917), il carro armato sfruttando la sua invulnerabilità, non solo fu utilizzato in ausilio della fanteria per abbattere i capisaldi nemici, distruggere le postazioni di armi automatiche e difendere i fianchi dell’attacco; ma anche per la controffensiva, grazie alla netta superiorità di fuoco e soprattutto per la robusta blindatura che rendeva sicura l’inviolabilità dei militari a bordo del mezzo cingolato.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Tuttavia, anche se l’Italia fu una delle prime nazioni a sperimentare un blindato ruotato munito di mitragliatrici, nel corso della Grande Guerra non utilizzò i suoi carri armati nei campi di battaglia poiché la proposta di costruzione arrivò troppo tardi all’esercito e di conseguenza non entrò mai nella catena di produzione.  

Sappiamo che nel 1916 lo Stato Maggiore Italiano intraprese relazioni con il governo francese per acquisire un carro Schneider, allo scopo di poterlo adeguatamente studiare e condurvi su di esso verifiche attitudinali. Infatti, l’anno seguente questo primo corazzato di produzione francese fece la sua prima comparsa a Tricesimo in Friuli-Venezia Giulia. In questa località, sotto l’attenta supervisione del Capitano Alfredo Bennicelli (1) furono condotte alcune prove di sperimentazione che furono superate egregiamente.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

L’esito positivo dei test di valutazione spinse il nostro governo a chiedere alla Francia altri esemplari; però al diniego dei transalpini il nostro Paese si avviò a intraprendere la costruzione di un carro armato tutto italiano. In realtà fu la Fiat che nel 1916 negli stabilimenti di Torino, di propria iniziativa, intraprese lo studio progettuale di un carro denominato Fiat 2000, che fu prodotto in soli 2 esemplari che furono ultimati e consegnati nel 1918.

Il mastodontico cingolato non fu impiegato durante le fasi conclusive della Prima Guerra Mondiale, tuttavia, dopo il 4 novembre l’esercito era già in possesso oltre dei due carri Fiat 2000, anche di un carro Schneider e 27 carri armati Renault 17, questi ultimi concessi dalla Francia dopo molte insistenze del nostro Governo.

Nel dicembre del 1918 fu costituito a Torino, il primo vero e proprio reparto di carri armati nella storia del carrismo: la “1a Batteria Autonoma Carri d’assalto” che in seno all’Arma di Artiglieria era ordinata su 2 sezioni di 4 carri ciascuna, un Fiat 2000 e tre Renault 17.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Nel 1919 la 1a Batteria Autonoma Carri d’Assalto fu inviata in Tripolitania (una delle due colonie italiane in terra libica) per contrastare gli arabi ribelli. Nell’operazione partecipò anche il Fiat 2000, e lì vi rimase anche dopo il rientro in Italia dei militari.

Il Carro Fiat 2000 rimase ancora in attività nel Regio Esercito sino al 1934, però di quest’ultimo, capostipite dei carri armati italiani, sfortunatamente se ne persero le tracce, verosimilmente demolito e venduto come ferro vecchio.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Oggi rimangono solo delle foto con una preziosa e unica fedele ricostruzione in scala realizzata sempre nel 1917 dalla ditta Quarello proprio per conto della Fiat, un vero e proprio prototipo in miniatura. Nel 2017 il modello è stato acquistato da un socio del raggruppamento SPA che lo ha restaurato ed esposto per la prima volta sempre nel 2017 a Pordenone. L’associazione “Raggruppamento SPA” ha aderito al “Comitato Costruzione Replica Carro Armato Fiat 2000 (1918-2018)”, che persegue il progetto di realizzare una copia fedele dello storico carro”.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi. Da sinistra: FIAT 3000, Renault FT Modèle 1917, carro Schneider e FIAT 2000.

Il 1° marzo 2018 è stato creato un comitato di volontari per la costruzione di una replica in scala esatta e funzionante del Fiat 2000. Dal giugno 2017 all’ottobre 2018 gli sforzi si sono concentrati nella ricostruzione del progetto integrale del carro (data la mancanza di materiale originario, scomparso da tempo); il 15 novembre 2018, terminata la parte progettuale, la costruzione è cominciata a Montecchio Maggiore a cura dell’Associazione Nazionale Carristi d’Italia e dell’Associazione “Cultori della Storia delle Forze Armate”, insieme all’Associazione culturale “Raggruppamento SPA”. Una volta terminata, la replica sarà esposta e visitabile al Museo delle Forze Armate 1914-1945 di Montecchio Maggiore (VI).

Abbiamo chiesto al Cap. (cong) Mauro Somigli, Presidente dell’Associazione Nazionale Carristi d’Italia, Sezione di Firenze “M.O.V.M. Carlo Chimenti”, di parlarci della riprogettazione filologica e della ricostruzione “ex novo” di una replica “tale e quale” del carro Fiat 2000, nonché delle sue caratteristiche tecniche.

«In tema di rievocazione storica e di divulgazione e affermazione della cultura tecnica della Specialità Carristi, la Presidenza Nazionale ha svolto un rilevante ruolo di supporto e di indirizzo a favore del Progetto “Costruzione replica del carro armato FIAT 2000”, ideato e intrapreso con coraggio e determinazione dalle Sezioni A.N.C.I. di Firenze e Zeccone e la cui realizzazione è sostenuta da donazioni liberali da parte di moltissimi comuni cittadini (anche dall’estero), simpatizzanti e da molti soci benemeriti della nostra Associazione. Alle Sezioni di Firenze e di Zeccone va riconosciuto di aver messo in campo un formidabile apparato tecnico-professionale e organizzativo. Attraverso l’opera meritoria e incessante dei loro soci che con incondizionata passione hanno dedicato gran parte il loro tempo e delle loro energie, è stato possibile non soltanto elaborare e perfezionare la ricerca documentale e la riprogettazione tecnica del primo carro armato italiano, ma anche organizzare in modo impeccabile l’intera operazione. La Presidenza Nazionale ha vinto lo scetticismo e l’incredulità con cui molti di noi avevano inizialmente accolto il progetto quando esso fu presentato al congresso nazionale svoltosi a Pordenone nell’ottobre 2016 ed ha sposato con entusiasmo quello che oggi rappresenta il più complesso e più ambizioso progetto mai intrapreso dalla nostra Associazione. Il buon esito di questa autentica impresa è reso possibile anche grazie al decisivo concorso offerto dall’Associazione culturale “Raggruppamento SPA” di San Marino e dall’Associazione “Cultori della Storia” di Montecchio Maggiore. È grazie a tutto ciò se oggi possiamo dire che i lavori saranno conclusi entro la prima metà del 2020, come hanno potuto appurare le molte persone che hanno già visitato il cantiere dove si fabbrica la replica esatta del primissimo carro armato italiano.

Il Fiat 2000 Mod. 17 era un carro armato pesante costruito in Italia e adottato dal Regio Esercito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale. Il progetto fu iniziato dalla Fiat nel 1916 e venne prodotto in due soli esemplari, consegnati nel 1918. La data del primo collaudo prototipo fu il 1917, mentre la data di ritiro dal servizio fu il 1934.

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Di seguito elenco le caratteristiche tecniche del carro pesante Fiat 2000».

Caratteristiche

Peso: t 38,78

Rapporto potenza/peso: (HP/t) 6,4

Lunghezza: m 7,40

Larghezza: m 3,20

Altezza: m 3,80

Luce libera: m 0,54

Protezione: mm 20-15

Motore tipo: Fiat A-12

Potenza: HP/giri 250/1400

Cilindrata: (160 x 180) cmc 21200

Cambio: (con riduttore) numero marce 4 (8) + 2 R.M.

Velocità massima: km/h 7,5

Autonomia: km 75

Equipaggio: uomini 10

Armamento: cannone 1 x 65 mm mitragliatrici 7 x 6,5 mm

Eventi del FIAT 2000 dal 2 aprile del 1919 in poi

Note

(1) Il Capitano Alfredo Bennicelli per ordine del Ministro della Guerra, il Tenente Generale Vittorio Zuppelli si era recato nelle Fiandre come osservatore, per visionare i carri armati adottati dagli eserciti franco-inglesi. Il Conte Alfredo Bennicelli (Roma il 19 febbraio 1879 – 20 Maggio 1960), Ufficiale di Complemento di prima nomina nel 13° Reggimento di Artiglieria procedette nella carriera militare fino al grado di Generale di Brigata ed in quella politica fino alla dignità di Senatore del Regno. È considerato – idealmente – il “fondatore” dei Carristi italiani.

Bibliografia

Giuseppe LongoCarro FIAT 2000, il gigante perduto. A cento anni dalla sua costruzione (1918-2018)

Maurizio ParriTracce di cingolo, compendio generale di storia dei carristi 1917-2009

Nicola Pignato “Storia dei mezzi corazzati”

Foto di copertina: Il Re Vittorio Emanuele III di Savoia visiona il Carro FIAT 2000

Foto a corredo dell’articolo per gentile concessione dell’Associazione Nazionale Carristi d’Italia.

Info: www.fiat2000.com

Giuseppe Longo
giuseppelongoredazione@gmail.com
@longoredazione