Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi mangia il riso prima di dormire? Risponde la medicina
Cefalunews

Cosa succede a chi mangia il riso prima di dormire? Risponde la medicina

Cosa succede a chi mangia il riso prima di dormire? Mangiare riso prima di dormire garantisce un sonno più di qualità e ristoratore. Tutto merito del triptofano, una proteina che favorisce la produzione di serotonina, noto come l’ormone del buon umore e buon regolatore del sonno. Secondo uno studio condotto dalla Kanazawa Medical University, pubblicata su Plos One, chi mangia più riso riesce a dormire meglio. Il riso da solo, però, non basta a fare la differenza sulla qualità del sonno. Occorre, infatti, evitare di andare a letto con lo stomaco vuoto ma nemmeno con lo stomaco troppo pieno. Occorre evitare i cibi pesanti, grassi e ipercalorici e quindi più difficili da digerire e con pesanti effetti di rallentamento sulla fase dell’addormentamento.

Prima di dormire mangiare il riso o la pasta? Sicuramente il riso. È più facile da digerire e non contiene glutine. Può essere assunto anche da chi è intollerante o affetto da celiachia. Il riso contiene proteine essenziali. Non vi si trovano quelle frazioni glianiniche che in molti casi provocano intolleranze alimentari. Il riso controlla il colesterolo. La sua pula contiene un composto dai benefici effetti sui livelli di colesterolo totale e trigliceridi. Il riso dà un apporto equilibrato di sali minerali, è ricco di potassio e ha un basso contenuto di sodio, è ottimo per contrastare l’ipertensione. Una frazione peptidica isolata dalla glutenina del riso ha spiccata attività antipertensiva.

Cosa si può mangiare prima di dormire per conciliare il sonno? Sono ottimi, insieme al riso, l’avena in fiocchi o una minestra di orzo. Fra le verdure la lattuga cruda o cotta che ha un effetto calmante grazie alla presenza nei suoi componenti di acidi e di alcuni principi amari. Il cavolo è ricco di potassio, vitamine e acido folico che combattono l’insonnia, va però consumato a piccole dosi perché, come effetto collaterale, potrebbe appesantire un po’ la digestione. Vanno bene anche i latticini perché ricchi di triptofano. Attenzione, però, ai formaggi stagionati perché vengono utilizzati subito dall’organismo e finiscono con allontanare il desiderio del sonno.

Quali cibi non mangiare prima di dormire per non avere problemi con il sonno? Evitare tutti quei cibi che sono ricchi di sale come salumi, cibi in scatola, alimenti affumicati, sottaceti. Questi cibi influiscono sulla ritenzione idrica impedendo il rilassamento e l’addormentamento. Evitare frutta secca, bevande alcoliche o contenenti caffeina come caffè, energy drink e cioccolato. Evitare i dolci perché sono molto difficili da digerire e il loro è un impatto pesante sul corpo, con picchi glicemici molto alti al risveglio. Evitare anche la pizza perché se consumata la sera appesantisce la digestione. Niente alcolici, infine, perché gravano sulla digestione e disidratano.

Quali sono i benefici del riso? E’ un alimento disintossicante, in grado di eliminare il gonfiore intestinale. Il consumo di quello integrale, ricco di fibre, favorisce il transito intestinale stimolando l’evacuazione. Il riso contiene poco sodio ed è quindi ideale per chi deve seguire una dieta iposodica e per chi soffre di pressione alta. Il basso contenuto si sodio lo rende un alimento ideale per pazienti affetti da insufficienza renale. Ik riso favorisce la riduzione dell’assorbimento di acido urico nel sangue, per questo è consigliato in caso di uricemia, nefrite e gotta. Il riso può essere consumato da chi ha problemi digestivi.