Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Ospedale Giglio: i Sindaci del distretto chiedono chiarimenti Urgenti
Cefalunews

Ospedale Giglio: i Sindaci del distretto chiedono chiarimenti Urgenti

  • Questo il testo integrale sottoscritto dai Sindaci di Cefalù,  Castelbuono, Pollina,  Isnello, Collesano,
    San Mauro Castelverde,  Lascari, Gratteri, Campofelice di Roccella.
  • Al Presidente della Regione Sicilia
    On. Nello Musumeci
    presidente@certmail.regione.sicilia.it
    All’Assessore Regionale alla Salute
    Dott. Ruggero Razza
    assessorato.salute@certmail.regione.sicilia.it
    Al Presidente della Fondazione
    “Istituto G. Giglio” di Cefalù
    Dott. Giovanni Albano
    protocollo@pec.hsrgiglio.it
    Al Capo Dipartimento della
    Protezione Civile
    Dott. Angelo Borrelli
    protezionecivile@pec.governo.it
    e p.c. Al Ministro della Salute
    On. Roberto Speranza
    segreteriaministro@sanita.it
  • Oggetto: Allestimenti di reparti COVID-19 presso l’Ospedale G. Giglio di Cefalù – Richiesta urgente
    di chiarimenti.
  • I Sindaci dei Comuni del Distretto Socio Sanitario 33 (Cefalù – Castelbuono – Pollina – San Mauro
    Castelverde – Isnello – Collesano – Campofelice di Roccella – Lascari e Gratteri )
    premesso che:
    – con nota del 26 marzo u.s. i sottoscrittori Sindaci hanno comunicato al Presidente della Fondazione
    “Istituto G. Giglio” di Cefalu’ di aver destinato un contributo economico in favore dell’ospedale per
    l’acquisto di uno o più ventilatori polmonari per il potenziamento del reparto di terapia intensiva “….
    avuto anche riguardo alla determinazione delle autorità regionali di destinare parte dell’ospedale ai
    contagiati dal virus”;
    – con la medesima nota, però, è stato evidenziato a chiare lettere “…… l’assoluta necessità che
    vengano adottate tutte le misure più idonee , sotto ogni profilo, dirette a salvaguardare la salute di
    tutti i dipendenti dell’ospedale e dei ricoverati negli altri reparti “.
    Tanto premesso, nella ipotesi in cui non fossero state adottate le misure necessarie sia con riferimento
    alla creazione di percorsi separati riservati ai pazienti COVID, sia con riferimento ai sistemi di
    protezione individuali in termini di qualità che di quantità, sia con riferimento alle figure mediche
    essenziali per affrontare una simile emergenza, i sottoscritti
    NEL CONFERMARE
    Il sentimento di solidarietà da sempre presente, quale indefettibile bagaglio culturale, nella
    popolazione madonita
    RIBADISCONO
    di ritenere imprescindibile l’approntamento delle misure più idonee, da portare a conoscenza dei
    sottoscritti con immediatezza e mediante la necessaria relativa documentazione, sotto il profilo della
    sicurezza non solo di tutti gli operatori sanitari ma anche di quanti saranno presenti nel nosocomio. E
    ciò anche in considerazione della struttura dell’ospedale (monoblocco);
    SEGNALANO
    che il persistere nelle determinazioni adottate pur in assenza delle cautele e delle misure più utili ad
    impedire la diffusione del contagio può assumere, se il contagio avviene, connotati di rilevanza penale;
    RICHIAMANO
    l’attenzione delle Autorità Regionali perché valutino, con il rigore che la problematica impone, se la
    determinazione di destinare parte del “Giglio” ai pazienti COVID-19 sia rispettosa delle linee di
    indirizzo organizzative dei servizi ospedalieri dettate dal Ministero della Salute cui pure è diretto il
    presente atto.
    Cefalù, 30/02/2020.