Il salmone affumicato fa ingrassare? Ecco 5 incredibili risposte

Il salmone affumicato fa ingrassare? Il salmone affumicato è ricco di Omega 3 che sono gli acidi grassi essenziali ottimi per mantenersi in forma. Il salmone affumicato conserva le caratteristiche dell’alimento fresco. Il salmone affumicato è un pesce dalle carni gustose, ricco di vitamine, acidi grassi omega-3 e sali minerali. Il salmone affumicato contiene fosforo che è importante per la salute di ossa e denti. Il salmone affumicato contiene la vitamina B6 che stimola le funzioni cerebrali e previene l’invecchiamento. Vi è presente anche la vitamina B12 che svolge un ruolo prezioso nella produzione dei globuli rossi e nella formazione del midollo osseo. La presenza della niacina (o vitamina B3) favorisce la circolazione, protegge la pelle e favorisce la digestione degli alimenti.

Il salmone affumicato e migliore di quello fresco? Il salmone affumicato contiene quasi 20 volte più sodio di quello fresco: 1880mg contro i 98mg del fresco. Per questo il salmone affumicato è sconsigliato per chi soffre di ipertensione. Per quanto riguarda l’apporto di energia quello fresco apporta 185 Kcal mentre il salmone affumicato apporta 147Kcal. Il salmone affumicato risulta meno grasso di quello fresco. Il processo di lavorazione del salmone affumicato riduce di circa 3 volte il contenuto di quelli polinsaturi chiamati anche essenziali. I grassi essenziali sono preziosissimi alleati per la nostra salute che possiamo ricevere solo attraverso particolari alimenti, tra cui il pesce. Il contenuto ridotto di questi grassi, rende il salmone affumicato a livello nutrizionale meno pregiato del fresco.

Il salmone affumicato provoca il cancro? L’American Institute for Cancer Research (AICR) considera i pesci affumicati, e quindi anche il salmone affumicato, a rischio per la salute umana perché carni trasformate. Nel salmone affumicato si possono trovare piccole quantità di nitrosammine e idrocarburi policiclici aromatici. Queste due sostanze che possono trovarsi nel salmone affumicato  possono avere effetti cancerogeni. Le due sostanze presenti nel salmone affumicato derivano dall’affumicatura. Il rischio, però, è presente solo nel caso di consumo costante di cibi affumicati e quindi anche di un consumo eccessivo di salmone affumicato. Alcune ricerche scientifiche sostengono che delle sostanze presenti nel salmone affumicato possono provocare il cancro del colon-retto. Le ricerche, però, non parlano di un diretto rapporto fra cancro e salmone affumicato.

Quali sono i benefici del salmone affumicato? Il salmone affumicato è una delle principali fonti di acidi grassi essenziali ovvero gli omega 3. Il salmone affumicato abbassa il livello di colesterolo cattivo complessivo alzando il livello di quello buono. Il salmone affumicato contrasta i radicali liberi e  rallenta l’invecchiamento di cellule e tessuti, mantenendo la pelle sana. Il salmone affumicato protegge il sistema cardiovascolare. Il salmone affumicato previene l’insorgere di trombosi, ictus, ipertensione ed ipergliceridemia. Gli omega 3 del salmone affumicato hanno proprietà antinfiammatorie e sono in grado di ridurre le infiammazioni causate da varie forme di artrite. Pare che gli omega 3 del salmone affumicato riducano il livello di diabete mellito di tipo 2. Il salmone affumicato aiuta anche il cervello.

Quali sono le controindicazioni del salmone affumicato? Il salmone affumicato non va abbinato a formaggi, latticini in genere e uova. Il salmone affumicato è ricco di sodio che favorisce la ritenzione idrica ed è, quindi, da sconsigliare a chi soffre di ipertensione. Il salmone affumicato è calorico e per questo non va consumato di frequente.

Torna in alto