Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi mangia il finocchio prima dei pasti? Ecco l'incredibile risposta
Cefalunews

Cosa succede a chi mangia il finocchio prima dei pasti? Ecco l’incredibile risposta

Cosa succede a chi mangia il finocchio prima dei pasti? Chi mangia il finocchio prima dei pasti rende disponibili enzimi che facilitano la scomposizione del cibo nei suoi costituenti essenziali e l’assimilazione da parte dell’organismo. Mangiare finocchio crudo prima dei pasti contrasta il rallentamento della digestione provocato dai grassi successivamente assunti. Il finocchio prima dei pasti agevola il processo digestivo e mitiga disturbi come reflusso gastroesofageo e pesantezza di stomaco. Mangiare il finocchio prima dei pasti riduce il rischio del meteorismo e della pancia gonfia. Mangiare il finocchio prima dei pasti fa sì che le fibre del finocchio formino una pellicola gelatinosa che riduce la velocità con cui gli zuccheri vengono assorbiti dal corpo e ha effetti positivi sulla produzione di insulina.

Quali cibi i si possono mangiare prima dei pasti? Prima dei pasti si può mangiare un piatto d’insalata o una frutta. Questa pratica si dimostra utile sia per perdere peso sia per curare e ridurre i sintomi d’eventuali intolleranze riscontrate. Mangiare un frutto circa quindici-venti minuti prima del pranzo e della cena consente di raggiungere un buon senso di sazietà limitando l’introduzione di porzioni eccessive di cibo. Le fibre della frutta prima del pasto consentono di ridurre l’assorbimento dei grassi e dei carboidrati che andremo a introdurre successivamente, consentendo un miglior controllo della glicemia e limitando i picchi d’insulina. Colite, meteorismo, crampi e gonfiori addominali, reflusso gastroesofageo, vengono ridotti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Piperina e Curcuma PLUS, l'unico integratore che ti fa perdere peso

Quali cibi non vanno mangiati prima dei pasti? Prima dei pasti bisogna evitare di mangiare le zuppe pronte. Le zuppe pronte, infatti, contengono circa 900 mg di sodio a porzione. E’ bene sapere che troppo sodio può causare gonfiore, ritenzione idrica, pressione alta e danneggiare le cellule. Limitando l’assunzione di sodio, spesso troppo abbondante nell’alimentazione occidentale moderna, si riducono il rischio di malattie cardiovascolari e di altre possibili complicazioni dell’ipertensione. Una pressione alta, è bene sapere, può infatti danneggiare molti organi. Oltre a cuore e arterie, a pagare le spese di un’alimentazione eccessivamente ricca di sodio possono anche essere ad esempio reni, occhi e anche cervello.

Quali sono i benefici del finocchio? Il finocchio è molto utile nella risoluzione di problemi digestivi perchè fornisce un’azione diuretica-disintossicante e carminativa in caso di problemi intestinali. Il finocchio, inoltre, contribuisce ad attenuare il fastidioso senso di gonfiore addominale. Grazie alla presenza di vitamina C, il finocchio aiuta a rafforzare il sistema immunitario, svolgendo anche un’azione antiossidante. In particolare i semi di finocchio si utilizzano per preparare i tisane dal profumo intenso grazie alla presenza di anetolo che è un olio dal quale si possono anche ricavare sostanze da impiegare per uso cosmetico. Il finocchio è ricco di flavonoidi e fitoestrogeni.

Il finocchio è uno spezza fame? Il finocchio è uno spezza fame in quanto è una pianta ricca di acqua, con poche calorie. Per questo si adatta molto bene ad essere uno spezza fame nelle diete ipocaloriche. Il finocchio risulta essere, inoltre, ricco di fibre, sali minerali e vitamine. In particolare 100 grammi di finocchio contengono circa il 7% della quantità giornaliera raccomandata di potassio, il 5% di fosforo e calcio e il 2% di vitamina A. Per questo motivo il finocchio viene consigliato come spuntino dietetico in regimi alimentari ipocalorici, mirati alla perdita di peso. Ha, infatti, un elevato potere saziante.