Come mettere la pianta del cactus in casa per abbassare l’inquinamento elettro magnetico?

Come mettere la pianta del cactus in casa per abbassare l’inquinamento elettro magnetico? Per abbassare l’inquinamento elettro magnetico in casa bisogna mettere il cactus accanto alla sorgente che emana onde elettro magnetiche. Mettere il cactus attorno al computer, quindi, può essere molto potente nell’assorbire le radiazioni ambientali che rimbalzano. Il cactus aiuta anche ad assorbire le radiazioni che provengono da altre fonti o antenne di cellulari vicine. In casa siamo esposti con regolarità a campi elettromagnetici. Dalle onde elettro magnetiche legate al Wi-Fi, a quelle degli smartphone, delle televisioni e di altri oggetti elettronici. La questione delle onde elettromagnetiche non va sottovalutata. Evitarla è impossibile ma almeno si può abbassare il rischio. La pianta di cactus da questo punto di vista aiuta davvero moltissimo.

Quali benefici apporta alla salute la pianta del cactus? Secondo il Feng Shui, antica disciplina cinese che insegna a vivere in armonia con gli ambienti domestici, il cactus in casa apporta tanti benefici che non ci si aspetta. A patto, però, di collocarla nelle stanze giuste. I cactus sono conosciuti per la loro capacità di attenuare gli effetti negativi delle radiazioni. Per questo la pianta di cactus dovrebbe essere collocata in soggiorno a lato di tv o pc. In questo modo aiuta ad attenuare le radiazioni provenienti da questi dispositivi.

Come si coltiva la pianta del cactus in casa?

La pianta del cactus richiede molta luce, ma non il pieno sole. Oltre i 35 °C l’attività fotosintetica si blocca. Durante l’estate si consiglia di collocare le piante grasse a mezz’ombra per non esporle a temperature troppo elevate. La caratteristica fondamentale dei cactus è la carnosità. Immagazzinano nei tessuti la poca acqua di cui necessitano per sopravvivere parecchi mesi in ambienti completamente aridi. Ecco perché nel vaso, in estate, va messa poca acqua. Il cactus è poco goloso di nutrimento.