Come eliminare in 3 minuti dalla carne di pollo, in modo sicuro e per sempre, il rischio della salmonella ed altri gravi danni alla salute

Non tutti sanno che il pollo crudo è spesso contaminato da alcuni batteri come Campylobacter, Salmonella e Clostridium perfringens.

Questi batteri provocano in genere diarrea, spesso emorragica, con dolore addominale, febbre, mialgia, mal di testa, prostrazione, vomito e anche nausea.

Il pollo crudo può trasmette anche il tetano, mortale per l’uomo, e la sindrome di Guillain-Barré, che conduce alla paralisi degli arti.

Il pollo crudo non va mai lavato perché si rischia di far restare i batteri sulle proprie mani. In questo modo si possono contaminare anche altri cibi che, invece, si possono consumare crudi.

Il lavaggio del pollo sotto l’acqua corrente non elimina i microrganismi che possono essere presenti sulla carne. Per rimuovere i residui di sangue basta della carta assorbente leggermente inumidita.

È molto importante lavarsi sempre bene le mani, con acqua calda e sapone, sia prima di manipolare il pollo crudo ma anche dopo averlo solo toccato.

Bisogna lavare con acqua calda e detersivi le superfici e gli utensili entrati in contatto con il pollo crudo. Usare sempre taglieri separati per la carne e gli altri alimenti.

Ecco come eliminare in 3 minuti dalla carne di pollo, in modo sicuro e per sempre, il rischio della salmonella ed altri gravi danni alla salute.

Perchè è importante far cuocere sempre la carne di pollo? Il calore che penetra all’interno è il solo modo per distruggere i batteri. Per rendere il pollo sicuro basta una cottura di 75°C per almeno 3 minuti. E’ bene accertarsi sempre che all’interno non resti il tipico colore rosa della carne di pollo poco cotta o ancora cruda. Dopo la cottura la carne di pollo va consumata nel più breve tempo possibile. Questo per evitare che si possano verificare contaminazioni batteriche. La carne di pollo cotta non si deve riporre sui piatti entrati in contatto con quella cruda. Se rimangono degli avanzi è bene trasferirli in contenitori puliti con chiusura ermetica. Non lasciare il pollo cotto per lungo tempo a temperatura ambiente. Va riposto in frigorifero a temperature inferiori a 5°C, come consiglia l’Organizzazione Mondiale della Sanità. In frigo bisogna mettere la carne cotta separata e lontana soprattutto dalla frutta e dagli ortaggi.

Vi abbiamo spiegato come eliminare in 3 minuti dalla carne di pollo, in modo sicuro e per sempre, il rischio della salmonella ed altri gravi danni alla salute.

Torna in alto