Dalla Cei 320mila euro per la Chiesa Santo Stefano e i sistemi videosorveglianza in quattro chiese

Dalla Cei 320mila euro per il restauro della Chiesa Santo Stefano di Cefalù e i sistemi videosorveglianza in quattro chiese della Diocesi.
Video sorveglianza per le chiese dello Spirito Santo di Cefalù, di San Paolo Apostolo di Piano Zucchi, della Purità di Valledolmo e di San Giuseppe di Castellana Sicula. L’Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici e l’Edilizia di Culto della Conferenza Episcopale Italiana ha concesso due contributi per un totale di 320mila euro per finanziare il progetto di restauro e l’adeguamento degli impianti della Chiesa di Santo Stefano di Cefalù e i progetti per dotare degli impianti di sicurezza quattro chiese della Diocesi di Cefalù.
L’approvazione ufficiale della Conferenza Episcopale è stata comunicata pochi giorni fa.
Trecento mila euro sono stati stanziati per il restauro della Chiesa di Santo Stefano, detta “del Purgatorio” di Cefalù, a fronte di un progetto che prevede una spesa di 440mila euro. Grazie ad un secondo contributo di poco meno di 19 mila euro saranno dotate di un impianto di videosorveglianza la Chiesa dello Spirito Santo di Cefalù, la Chiesa di San Paolo Apostolo di Piano Zucchi, la Chiesa della Purità di Valledolmo e la Chiesa di San Giuseppe di Castellana Sicula.