Dieta per l’insonnia? Ecco i 3 frutti da mangiare perchè aiutano questa malattia

Sono tante le persone che soffrono della difficoltà a prendere sonno. E’ un disturbo prevalentemente cronico e molto frequente. In genere nei paesi industriali come l’Italia raggiunge una media del 35% sulla popolazione generale.

Molte delle persone che ne soffrono non affrontano l’argomento nemmeno con il proprio medico curante. Alla base ci possono essere delle cattive abitudini. Fra queste il coricarsi ad orari sempre diversi, il dormire troppo durante il giorno, il mangiare cibi pesanti a cena. Fra le cause anche la scarsa attività fisica. A disturbare il sonno e quindi a provocare l’insonnia ci può essere anche l’ambiente.

Tra le cause dell’insonnia un ambiente disturbato, il lavorare a turni, l’uso di apparecchi elettronici a letto e anche l’assunzione di alcuni farmaci. L’insonnia può essere provocata anche da alcune malattie la tiroide o la depressione.

Per curare l’insonnia bisogna modificare anzitutto il proprio stile di vita fatto con molta probabilità di stress.

Può aiutare a curare l’insonnia il coricarsi sempre alla stessa ora. Tra i consigli anche quello di evitare di portare con sé smartphone o tablet a letto. Puntare su scelte alimentari corette aiuta a vincere l’insonnia. Bisogna in questo senso evitare i cibi che possono interferire con il riposo. Tra questi quelli ad alto indice glicemico come gli zuccheri e i dolci che stimolano l’insulina provocando insonnia.

Esistono dei cibi contro l’insonnia che possono aiutare a combattere i disturbi del sonno.

Sono quelli che stimolano la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. La melatonina regola il ritmo circadiano, ossia il ciclo sonno-veglia dell’organismo.

Tra i cibi anti insonnia c’è il frutto ritenuto calmante per eccellenza. E’ l’albicocca che contiene molto magnesio e potassio. Le albicocche sono un alleato prezioso in caso di insonnia.

Contro l’insonnia
Anche le ciliegie aiutano a dormire meglio. Sono una fonte naturale di magnesio (10mg/100 g) un minerale molto importante che aiuta a riposare meglio perché favorisce il rilassamento muscolare.

Una ricerca dell’Università del Texas ha evidenziato che mangiare noci fa aumentare i livelli di melatonina. Un oremone che l’organismo produce per regolare il ciclo sonno-veglia. Mangiare le noci quindi aiutando a dormire meglio. Le noci, come le albicocche e le cieliegie, sono un’ottima fonte di magnesio.

Il consiglio
L’attività fisica può aiutare a superare il problema dell’insonnia. Ci sono in questo senso degli esercizi che favoriscono il sonno.

Sono diversi gli studi che hanno dimostrato come l’attività fisica ha aiutato un numero consistente di persone affette da insonnia cronica. Basta un’attività fisica regolare e nel giro di alcune settimane ci si addormenta più velocemente e si dorme anche più a lungo. Secondo alcuni esperti l’esercizio sportivo potrebbe rappresentare un possibile rimedio all’insonnia paragonabile ai farmaci ipnotici per il trattamento dei disturbi del sonno.