Covid, Sicilia in zona arancione: nessun limite per chi ha il super green pass

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza con la quale la Sicilia da lunedì passa in “arancione» insieme ad altre tre regioni: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia e Piemonte.

A spingere verso la nuova misura restrittiva è la situazione nei reparti di terapia intensiva dove – secondo i dati diffusi ieri dall’Agenas – la Sicilia ha superato, sia pure di poco, il limite di guardia del 20%. Sopra la soglia di saturazione anche la percentuale di posti occupati da pazienti Covid in area non critica (36%). Musumeci parla di una decisione «prevista da una settimana» puntando il dito contro i no vax, «che occupano al 77% le terapie intensive».

In zona arancione gli spostamenti dal proprio comune con oltre 5 mila abitanti con mezzo proprio verso altri comuni o fuori dai confini di Regione/PA richiedono green pass semplice, oppure motivi di lavoro, necessità, salute, o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune. Invece non vi è alcun limite di spostamento in zona gialla. Dal primo febbraio scatterà la normativa introdotta dall’ultimo decreto green pass il 5 gennaio scorso che – stabilendo l’obbligo vaccinale per gli over 50 – ha dettagliato anche dove non sarà richiesto il super green pass e le poche attività esentate dal richiedere anche il green pass base all’accesso.