Cosa succede a chi consuma olio di oliva con colesterolo e glicemia? Ecco la verità

Ci sono diversi studi scientifici che dimostrano che bere olio extra vergine di oliva ogni giorno può ridurre i problemi ai vasi sanguigni causati dal diabete. È stato anche dimostrato che i suoi effetti benefici influenzano direttamente la glicemia, poiché abbassa i livelli di zucchero nel sangue e i livelli di colesterolo LDL o cattivo. Pertanto, è necessario bere una certa quantità di olio d’oliva ogni giorno per controllare la glicemia. Alcuni studi hanno anche dimostrato che bere olio d’oliva può ridurre i livelli di zucchero nel sangue fino al 12% nelle persone sane.

Quali sono i sintomi della glicemia alta?

La glicemia a digiuno normale varia da 70 a 100 mg/dl. Tra i sintomi che compaiono quando la glicemia è alta, troviamo i seguenti: stanchezza; sbalzi d’umore, variabili tra irritabilità e depressione; comparsa di lesioni cutanee, in particolare macchie scure sulle gambe; pelle secca, ferite di difficile guarigione e arrossamento del viso . Nei casi più gravi possono verificarsi sintomi come confusione e persino perdita di coscienza. Essere consapevoli di questi sintomi è importante per rivolgersi immediatamente a un medico.

Quali sono i vantaggi dell’olio extravergine di oliva?

Consumare olio d’oliva può abbassare i livelli di colesterolo cattivo e aumentare i livelli di colesterolo buono. Consumare olio d’oliva protegge dall’invecchiamento e dalle malattie che ne derivano come l’Alzheimer, il deterioramento cognitivo, l’Alzheimer e l’osteoporosi. Tutto grazie agli antiossidanti che apporta. Consumare olio extra vergine di oliva riduce la pressione sanguigna massima e minima. Questo grazie ai biofenoli che contiene e porta alle persone che lo utilizzano. Una dieta ricca di olio extravergine di oliva e povera di grassi saturi è molto benefica per le persone con diabete.

Qual è il segreto dell’olio d’oliva?

L’olio d’oliva contiene acido oleico, l’acido grasso monoinsaturo a catena lunga più abbondante nel nostro corpo. Questo acido ha grandi proprietà nutritive ed emollienti per la pelle. L’acido oleico ha benefici per il sistema cardiovascolare, in particolare sembra essere in grado di mantenere i livelli di colesterolo nel sangue entro valori normali. Per questo motivo l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha autorizzato l’uso di prodotti a base di acido oleico per mantenere i normali livelli di colesterolo nel sangue.

Come identificare l’olio d’oliva di alta qualità?

L’olio d’oliva di alta qualità è prima di tutto noto per la sua fluidità. Per verificare questo, è necessario versare un cucchiaio di olio in un bicchiere e agitarlo bene. Infine, l’olio d’oliva di alta qualità ha una fluidità da bassa a media. In effetti, se l’olio è molto liquido, questo potrebbe non essere un buon segno. Una volta che il bicchiere è stato scosso e scaldato un po’, è necessario sentire l’odore dell’olio. Se senti l’odore di olive miste a erba, frutta e verdura, ti trovi di fronte a un olio d’oliva di buona qualità. Attenzione anche al gusto. Un olio d’oliva di buona qualità dovrebbe avere un sapore che tende ad essere amaro e piccante. Ecco perché bisogna assaporarlo per percepirne il sapore, se è buono.