Bere the caldo tutte le sere 10 minuti prima di dormire. Cosa succede al cuore, alla glicemia e al colesterolo

Una ricerca scientifica pubblicata nello «European Journal of Preventive Cardiology» ha scoperto che bere the verde almeno tre volte a settimana porta una vita più lunga e più sana. Non aiuta a dormire e allontana alcune malattie che sono legate all’età come la cardiopatia e l’ictus.

Quali sono i benefici del the?

Il the contrasta i radicali liberi che portano l’invecchiamento cellulare. Aiuta a perdere peso perché contiene alcune sostanze lipolitiche. Ricco di flavonoidi è un ottimo energizzante naturale ma non concilia il dormire. Riduce del 6% il rischio di patologie cardiovascolari. E’ idratante. Il the migliora l’umore. Abbassa i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL). Ha un effetto positivo sulla pressione sanguigna per le sue proprietà antipertensive.

A cosa fa male il the?

Berne troppo può essere dannoso soprattutto per lo stomaco. Può causare nausea o dolori di stomaco perché aumenta la quantità degli acidi che coinvolge nei processi di digestione. Contiene la caffeina che può causare ansia, nervosismo e poco sonno. Quello verde può influire negativamente sul buon funzionamento della tiroide.

Cosa contiene il the?

Nel the si trova la caffeina, un alcaloide che stimola il sistema nervoso centrale. Il the contiene anche la teanina, un amminoacido psicoattivo, la catechina, un potente antiossidante. Vi si trovano anche la teobromina e la teofillina che sono due alcaloidi stimolanti. Infine vi si trovano anche i fluoruri. Una tazza preparata con 2 grammi di foglie offre appena 2 Kcal e apporta dai 15 ai 40 mg di teina. Contiene anche proteine, carboidrati, zuccheri, sodio, calcio, ferro, potassio e fosforo.

Quali cibi fanno dormire meglio?

Bisogna scegliere i cibi ricchi di melatonina. Con 100 grammi di mele si hanno 60.000 picogrammi di melatonina. Svolgono anche un’azione rinfrescante, diuretica, disintossicante e rilassante. Per questo sono un ottimo frutto per dormire. Le mele contengono il triptofano. Gli studi hanno dimostrato che L-triptofano potrebbe migliorare la qualità del sonno. E’ un aminoacido che aiuta anche a regolare il sonno

I fagioli fanno bene alla glicemia?

I fagioli hanno un basso indice glicemico e aiutano coloro che devono tenere sotto controllo la glicemia. Sono diverse le ricerche che evidenziano come mangiare fagioli ma anche fave, piselli e lenticchie fanno molto bene alla glicemia. Da mangiare anche le verdure a foglia verde. In particolare bietole, lattuga, rucola e spinaci. Consigliamo le crucifere come i broccoli e i cavoli. Aiutano il sonno zucchine, pomodori, melanzane e peperoni.