Se vuoi vedere il comune più alto della Sicilia ecco la località che devi subito visitare

I suoi abitanti sono appena 1.275 e si estende su una superficie di 31,33 chilometri quadrati. Si trova nel messinese e la sua festa patronale si tiene il 26 luglio per Sant’Anna. All’interno di questo comune abitano 292 famiglie. Il reddito medi si aggira intorno ai novemila euro e l’età media degli abitanti è di circa 50 anni.  Stiamo parlando di Floresta che fra i suoi luoghi di interesse ha un vasto Bosco. Tra i suoi piatti caratteristici invece, è da gustare la salsiccia al tartufo nero.

Un po’ di storia

Il comune di Floresta è il più alto della Sicilia ma anche quello che uno con un’eta media molto alta dell’intera Italia insulare. Secondo alcuni studiosi risalirebbe all’Epoca romana. Proprio i romani dal suo Bosco ne avrebbero tratto legname per costruire le loro  barche. Questo lavoro veniva svolto da prigionieri di guerra e schiavi. Proprio queste persone andarono a comporre il primo insediamento di Floresta. Nel 1820 la piccola comunità è diventata Comune. Da quel momento si è sviluppata attorno alla chiesa madre di Sant’Anna e alle vie Vittorio Emanuele e Via Umberto I.

Il Bosco di Floresta

Il Bosco di Floresta è una grande distesa naturale che si trova all’interno del Parco dei Nebrodi. Il Bosco di Floresta è molto conosciuto perchè vi si trovano funghi così buoni con cui vengono confezionati diversi prodotti tipici. Gli esperti in micologia hanno nel Bosco di Floresta una delle zone principali dove studiare i funghi nel loro ambiente naturale. Tra i funghi più buoni di questo Bosco ci sono i porcini e il tartufo nero. Questo fungo è il prodotto tipico di Floresta. Viene utilizzato in tanti modi nella preparazione di varie specialità della cucina siciliana. Fra tutte la salsiccia al tartufo nero.

Cosa fare al Bosco di Floresta. Si possono utilizzare le aree attrezzate costruite al suo interno. Sono dotate di panche, tavoli e barbecue,. Questo bosco è una delle principali attrazioni della città. Immerge i suoi visitatori in un meraviglioso ambiente naturale. Il Bosco di Floresta si trova alle spalle della città. E’ per questo molto facile da raggiungere e da visitare. Si può attraversare con una piacevole passeggiata a contatto con la natura. Il territorio che circonda Floresta si caratterizza per la presenza di rifugi pastorali in pietra. Sono chiamati “pagghiari ‘mpetra”, “cubburi” ma anche “Tholos”. Sono costruzioni di pietre a secco a pianta circolare e copertura a cupola. Si armonizzano col paesaggio quasi fossero elementi naturali.

Da non perdervi la salsiccia al tartufo nero

La salsiccia al tartufo nero è un prodotto tipico di Floresta che non ci si può perdere. La ricetta tradizionale vuole la salsiccia impastata con all’interno il tartufo nero che si trova nel vicino Bosco. Per prepararla ci vuole tempo e la manualità dei macellai di questo luogo. Il segreto per avere una buona salsiccia risiede nella carne che si utilizza che deve essere di qualità.