Non mangiare mai queste melanzane: sono tra le più scadenti in commercio

Le melanzane sono un ortaggio estivo. Sono disponibili per le nostre tavole a ridosso della calda stagione. Le acquistiamo e mangiamo tra giugno e settembre. Sui banchi del supermercato però ci sono tutto l’anno. Anche ora in autunno sono in bella mostra e dai colori accattivanti. Vi arrivano in genere quelle coltivate nelle serre riscaldate. Perchè crescano e possano essere acquistate oltre al caldo della serra ci vogliono alcuni pesticidi. Si tratta di dosi molto consistenti per non permetterne la completa degradazione. Secondo alcuni dati sulle nostre tavole oltre ai prodotti delle serre come le melanzane ci sono grandi quantità di sostanze pericolose per la salute.

Si tratta di composti che mangiamo e fanno male all’organismo che non vanno via dalle melanzane nemmeno dopo un accurato lavaggio. Secondo dati scientifici sono molecole chimiche che diventano una grave minaccia per la salute umana. Alcune associazioni ambientaliste, che da anni osservano il fenomeno, dicono che i limiti massimi stabiliti dalla UE per questi residui chimici vengono superati ampiamente. Ci sono paesi che a riguardo sono molto disinvolti. Per eludere i limiti fissati dalla UE ci sono agricoltori che utilizzano pesticidi diversi. Alla fine si ha un vero e proprio cocktail di veleni micidiali. Il tutto non è rilevato dai controlli perché misurano le singole materie chimiche presenti nei vegetali e non i loro composti.

Attenzione perchè i cibi di serra che mangiamo sono inquinati e fanno male alla salute. Per i dati che abbiamo in possesso il consiglio è di non dare per nessun motivo alimenti fuori tempo a bambini, anziani e donne in gravidanza. Bisogna stare attenti e controllare con attenzione le sostanze che portiamo a tavola. Anzitutto non vanno comprate melanzane coltivate che arrivano da Spagna, Grecia e Turchia. Per sapere l’origine dei prodotti esposti alla vendita occorre leggere le etichette che li accompagnano. Chi non può rinunciare alle melanzane in autunno e in inverno cerchi di alimenti biologici.

Per portare a tavola poche sostanze dannose e pesticidi che distruggono la salute mangiamo il più possibile frutta e verdura di origine nostrana. In Germania nei mesi scorsi un intero lotto di melanzane che arrivavano dalla Repubblica Dominicana è stato distrutto. Contenevano sostanze pericolose in dosi elevate. Fra queste il metomil e la cialotrina. In particolare quest’ultima era più del doppio rispetto al limite massimo dei residui. Il metomil invece superava di oltre 7 volte il suo limite massimo.