Che te bere con il diabete e il colesterolo alto? Ecco la varietà migliore

L’American Diabetes Association consiglia di assumere bevande a basso contenuto calorico per prevenire un picco glicemico esagerato. Per questo le 5 migliori bevande sono l’acqua, il te non zuccherato, il caffè senza zucchero, il succo di pomodoro e il latte. In aggiunta si può spremere un poco di succo di limone o lime fresco nella bibita. Questo per assumere del calcio calcio ipocalorico e rinfrescante. Le bevande zuccherate vanno evitate perchè aumentano di molto la glicemia del sangue.

Che te bere con il diabete?

Uno studio pubblicato sulla rivista BMJ Open Diabetes Research & Care bere fino a una tazza di te verde al giorno riduce la mortalità del 15%. La riducono del 27% quando se ne bevono 2-3 tazze. Chi consuma 4 o più tazze di te vede ridursi il rischio del 40%. Il merito potrebbe essere dei polifenoli che si trovano nel te verde che sono antiossidanti con proprietà antidiabetiche. In altre parole inibiscono lo stress ossidativo, aumentano la tolleranza al glucosio e aiutano a controllare il diabete. Il te verde è considerato il farmaco naturale contro la glicemia perchè contiene l’epigallocatechina 3-gallato.

Come tenere la glicemia sotto controllo?

Per tenere sotto controllo la glicemia bisogna mangiare di meno e variare l’alimentazione, aumentare il consumo di fibre, fare attività fisica, dormire bene e tenere lontano lo stress. E’ anche importante aggiungere la giusta quantità di grassi all’interno di un pasto. Insieme a tutto questo occorre tenere presente che bisogna sempre tenere il proprio corpo ben idratato. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare ai diabetici consiglia di bere ogni giorno mediamente le seguenti quantità di acqua: le donne 1,6 litri che corrispondono a circa otto bicchieri, gli uomini circa 2 litri ovvero una decina di bicchieri. In questo senso l’acqua migliore è quella magnesiaca perchè contiene una quantità di magnesio superiore ai 50 milligrammi per litro. Secondo numerosi studi il magnesio contrasta l’insulino-resistenza e per questo previene il diabete mellico di tipo 2. Assumere magnesio porta il proprio corpo a tenere sotto controllo non solo la glicemia ma anche la pressione del sangue.

Il te verde abbassa il colesterolo?

Secondo quanto riporta l’Archives of Internal Medicine una dieta con pochi grassi saturi insieme ad un estratto di te verde diminuisce il livello del colesterolo LDL (cattivo) in quanti soffrono di ipercolesterolemia. La dose ottimale quotidiana di estratto di te verde è indicata in 375 mg. Sembra che in questi casi diminuiscano anche i trigliceridi ma bisogna portarae avanti altri studi. Il te verde è apprezzato in tutto il mondo. Si ottiene da una pianta che da secoli è utilizzata come ingrediente nella medicina popolare. Uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association ha scoperto che bere te con regolarità diminuisce dell’8% il rischio cardiovascolare. Nello stesso tempo rallenta la diminuzione del colesterolo Hdl (buono) che si verifica con l’invecchiamento. Il te verde e quello nero contengono enormi quantità di polifenoli e catechine. Quello verde però ha un effetto migliore rispetto a quello nero. Infine la diminuzione del colesterolo Hdl è più marcata negli uomini  che hanno superato i sessanta anni.