Non comprare questa marca di carne perchè ha batteri dentro: ecco di che marca parliamo

La carne è uno dei cibi che si consuma in tutto il mondo. L’italiano ne consuma circa 79 chili ogni anno. Si prepara in tanti modi. L’elenco dei tipi di carne è assai lungo. Solo di quelle rosse abbiamo manzo, vitello, bufalo, montone, maiale, ovina, caprina e di cavallo. Tra i preparati da alcuni anni ci sono anche i pronti da cuocere che sono pratici, veloci e gustosi. I marchi di questi nuovi preparati molto ricercati sono tantissimi. Sugli scaffali dei supermercati si trovano tante confezioni di ogni tipo.

Proprio oggi il Ministero della Salute ha diramato un’allerta alimentare che riguarda un “pronto da cuocere tastasale” (venduto con i numeri L6125220077 e L6125240077 con date di scadenza 16/01/2023 e 18/01/2023) per la presenza di salmonella. Sono un gruppo di batteri Gram negativi che appartengono rientrano nella famiglia degli Enterobatteri. Sono microorganismi che trovano il proprio habitat ideale nell’intestino di rettili, uccelli e mammiferi, compreso l’uomo. I batteri del genere Salmonella sono a forma di bastoncini e sono mobili perchè hanno dei flagelli. Certo non è bello comprare della carne pronta e trovarvi dentro questi microrganismi. Sono diverse le allerte del Ministero sulla carne con all’interno batteri. Riguardano la carne rossa ed in particolare i salumi per la presenza dei microrganismi della salmonella.

Perchè si sviluppano i batteri nella carne? Il problema è igienico soprattutto con la carne di maiale. Per avere l’assenza di salmonella negli allevamenti dei suini c’è bisogno di pulizia e disinfezione. Inoltre non ci deve essere contaminazione durante il macello. Attenzione va prestata sempre con l’igiene in cucina. Per distruggere questi batteri che possono essere presenti nella carne bisogna lavarsi sempre le mani e cuocere il cibo, in ogni sua parte, a 70°C per almeno un quarto d’ora.

Certo se la carne viene prodotta con processi che prevedono l’applicazione di alcune regole igieniche non ci sono problemi di contaminazione. A casa per esempio non bisogna mai mettere a contatto tagli di carne fresca con carne già cotta. I batteri di quella cruda potrebbero contaminare quella già cucinata. Per questo bisogna sempre utilizzare per conservare la carne cotta contenitori chiusi, buste frigo o anche pellicola trasparente per alimenti. Occorre separare i diversi tipi di carne (pollo, maiale, manzo) per evitare si contamino a vicenda.

In conclusione vi offriamo alcuni consigli per evitare di mangiare carne con batteri pericolosi per la salute. Bollire la carne a 85°C distrugge i batteri del pollo. Lavarlo, invece, li diffonde su altre superfici e altri alimenti. Scongelare la carne sempre in frigo e mai a temperatura ambiente. Lavare sempre tutti i piani di lavoro, gli utensili e i recipienti che vengono a contatto con la carne cruda. Attenzione ai negozi dove compriamo la carne perchè la devono tenere ben conservata.