Ecco gli utenti di Cefalù che non dovranno pagare per l’aggiornamento contrattuale Amap

Ecco gli utenti che non dovranno pagare per l’aggiornamento contrattuale Amap.
L’AMAP informa di avere disposto che le attività di aggiornamento contrattuale non avranno alcun costo per gli utenti risultanti titolari di contratti di fornitura idrica nel periodo antecedente il 31 gennaio 2016 (e per quelli che di fatto sono subentrati), nonché per quelli che hanno formalizzato la richiesta di attivazione di fornitura idrica al Comune di Cefalù successivamente a tale data e fino alla data di avvio gestione da parte di questa Società.
Con l’emissione della prima bolletta verrà invece addebitato il solo costo del bollo ed il deposito cauzionale, rimborsabile al momento dell’attivazione della domiciliazione bancaria secondo le modalità previste dall’Autorità.
Agli utenti invece che richiederanno attivazioni/regolarizzazioni di fornitura ex-novo (utenti quindi non compresi nelle comunicazioni ricevute dal Comune, né presenti nel database in precedenza gestito dalla società Amap fino al 31 gennaio 2016), saranno invece applicati i costi attualmente previsti per i nuovi allacci idrici relativamente al sopralluogo, al contatore e – nella prima bolletta utile – al contributo di attivazione, al bollo ed al deposito cauzionale (rimborsabile al momento dell’attivazione della domiciliazione bancaria).
Al fine di agevolare il rapporto diretto con gli utenti, il nostro Sportello commerciale di Cefalù, in Via Umberto I n. 55, è disponibile con i seguenti orari di apertura: dalle 9,00 alle 17,00 dal lunedì al venerdì (escluse le festività).
E’ possibile a tal proposito prenotare un appuntamento con i nostri operatori recandosi direttamente allo Sportello Utenza di via Umberto I n. 55 o scrivendo all’indirizzo mail amapcefalu@eurekaevolution.it.
Al momento della richiesta di aggiornamento contrattuale, è necessario che gli utenti presentino una foto del proprio misuratore idrico dalla quale si evinca la relativa matricola.
Ecco gli utenti di Cefalù che non dovranno pagare per l’aggiornamento contrattuale Amap.