Nella Manovra ci sono i fondi per il reddito di cittadinanza e “quota 100”

Nella Manovra ci sono i fondi per il reddito di cittadinanza e “quota 100” per la riforma della legge Fornero sulle pensioni. Lo ha detto il vice premier Luigi Di Maio via Facebook. “Subito dopo Natale, si fa un decreto in cui ci saranno le norme per la riforma dei centri per l’impiego e la riforma della Fornero, che non possono essere scritte nella Legge di Bilancio”, ha aggiunto. Anche il presidente del Consiglio Conte lo ha confermato da Tunisi.

“Più soldi alla scuola coi tagli ai petrolieri” – Luigi Di Maio ha poi illustrato alcune modifiche che il Movimento 5 Stelle vuole apportare alla Legge di Bilancio. “Nei prossimi due mesi” nell’iter della manovra “dovremo dare più soldi a scuola, università e ricerca”, “tagliando un po’ le detrazioni e gli sgravi fiscali ai petrolieri. Tagliamo da dove si inquina e mettiamo dove serve, per la formazione dei ragazzi e anche per gli stipendi degli insegnanti”.

“Proporremo taglio stipendi a tutti parlamentari” – “A novembre ci sarà il secondo ‘Restitution day’ della legislatura” per i parlamentari del M5S, ha sottolineato il vice premier Luigi Di Maio, annunciado che “non solo restituiremo gli stipendi ma proporremo tagli stipendi a tutti i deputati, partiamo dalla Camera e lo faremo anche al Senato”.

“Stop alla prescrizione entri nella legge Spazzacorrotti” – “In questo Paese, senza voler generalizzare, possiamo dire che i grandi furbetti politici si sono salvati con la prescrizione. Con la prescrizione si sono salvati figure come Licio Gelli, si mira a perdere tempo e alla fine i furbetti la facevano franca. Lo stop alla prescrizione per noi è importante”. Dice ancora Luigi Di Maio. “Per noi è importante, magari ci sono dei problemi interni alla Lega ma questo non mi interessa. Per quanto mi riguarda lo stop alla prescrizione deve entrate nella legge spazzacorrotti, perché l’emendamento è in linea con il contratto di governo. Questo governo non difende i furbi ma gli onesti”, ha aggiunto.

“Ci sarà emendamento su tagli editoria” – “I tagli all’editoria li vedrete nella legge di bilancio nei prossimi giorni. Non li abbiamo approvati in Cdm perché stiamo vedendo bene le norme: qualcosa sarà aggiunto con emendamento nella piena autonomia del Parlamento”. Secondo Di Maio “la Lega ha difeso le testate locali che spesso raccontano il Paese molto meglio dei giornali nazionali. Ma vanno finanziati in maniera meritocratica: voglio investire magari per far nascere nuovi giornali e non per tenere quelli che restano aperti solo per prendere i finanziamenti”.

“Non siamo contro l’alta velocità ma la Tav non ci serve” – “Ieri sera sono stato al cinema e una signora mi ha chiesto di non andare contro la Tav. Ma noi non siamo contro le alte velocità in sè: siamo contro gli sprechi di soldi che non ci permettono di investire dove serve. Per noi la Tav non è un’opera in questo momento prioritaria. Non ci serve: è stata progettata 30 anni fa quando si sprecavano soldi”. Questo il pensiero del vicepremier M5s Luigi Di Maio che aggiunge: “Non è vero che vogliamo spostare i soldi sulla Napoli-Bari: Appendino sta portando avanti la metro 2 a Torino”.

Conte: “Il reddito e quota 100 entreranno in vigore l’anno prossimo” – Il presidente del Consiglio da Tunisi conferma che ci sono le risorse sia per il decreto sul reddito di cittadinanza sia per la riforma della legge Fornero. In particolare per il reddito, ha spiegato: “Questa riforma partirà l’anno prossimo. Siamo ben consapevoli tutti che va fatta con molta attenzione: è la ragione per cui non è stata inserita adesso nella Manovra, ci teniamo a farla bene e con tutti i dettagli”.