Realtime blog trackingRealtime Web Statistics La pasta con asparagi fa bene o male al colesterolo? La risposta della medicina
Cefalunews

La pasta con asparagi fa bene o male al colesterolo? La risposta della medicina

La pasta con asparagi fa bene o male al colesterolo? La ricetta è proposta da https://www.danacol.it/ che ha creato un centinaio di ricette a basso contenuto di colesterolo. Gli ingredienti per quattro persone prevedono: 320 grammi di linguine o altro formato di pasta, 300 grammi di asparagi, 300 grammi di carote, 100 grammi di latte scremato, 10 grammi di scalogno, 20 grammi di parmigiano, 10 grammi di olio di oliva extravergine, sale e peperoncino quanto basta. Per iniziare preparare la crema lessando le carote e passandole col frullatore ad immersione con un bicchiere di latte e il parmigiano. Tagliare gli asparagi a pezzetti e saltarli per pochi minuti in padella antiaderente con scalogno e olio di oliva. Aggiustare di sale e peperoncino. Scolare la pasta al dente. Condirla con gli asparagi e impiattare ponendo prima al centro di ogni piatto 1 cucchiaio di crema di carote. Una porzione contiene 383.7 kcal di energia, 14.8 grammi di proteine, 72.6 grammi di glucidi, 5.7 grammi di lipidi e 6.3 grammi di colesterolo. La pasta con gli apsragi, quindi, è un piatto a basso contenuto di colesterolo.

Gli asparagi fanno bene a chi ha la pressione alta? Gli asparagi hanno un elevato contenuto di potassio, sale minerale prezioso per la regolazione della pressione sanguigna. Una conferma è arrivata da uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, che ha dimostrato come negli asparagi è presente una sostanza che inibisce l’ormone che stimola la pressione arteriosa, impedendo l’ipertensione. Gli asparagi sono anche molto depurativi e diuretici. In generale migliorano le funzioni renali accelerando la diuresi e rimuovendo i sedimenti. Attenzione alle controindicazioni. L’alta presenza di acidi urici negli asparagi li sconsiglia se l’attività renale è compromessa e se si soffre di gotta, cistite, prostatite e malattie osteoarticolari. In ogni caso prima di mangiare gli asparagi più volte è sempre bene sentire il parere di un medico perché potrebbero stimolare eccessivamente un organo già in difficoltà.

Gli asparagi allontanano la depressione? Gli asparagi sono una delle migliori fonti vegetali di filato che è una molecola che aiuta il corpo a costruire i globuli rossi e il materiale genetico. Il folato, inoltre, aiuta il corpo a produrre dopamina, serotonina e norepinefrina. Ecco perché gli asparagi danno il buonumore. Il folato è anche importante per il metabolismo delle proteine, la crescita e la divisione cellulare e per il sano sviluppo di feto e placenta. Ecco perché il folato è consigliato anche in gravidanza. Alcuni studi hanno evidenziato che gli asparagi sono in grado di bilanciare i livelli di insulina e questo li rende efficaci nel contrastare il diabete. Gli asparagi, infatti, migliorano la secrezione di insulina e la funzionalità delle cellule Beta. Queste cellule sono le uniche cellule del pancreas che producono, conservano e rilasciano insulina. Gli asparagi hanno un basso contenuto di grassi e calorie ma sono ricchi di fibre solubili e insolubili. Consumarli fa sentire più sazi. E’ un vero e proprio vantaggio per chi ha deciso di perdere peso. Inoltre, possono aiutare contro la stitichezza, favorendo il transito intestinale. Gli asparagi contengono alti livelli di un aminoacido particolare, che prende il nome di asparagina. Questa molecola rende questo alimento un diuretico naturale che elimina i ristagni liquidi in eccesso presenti nel corpo. Inoltre previene la formazione di infezioni del tratto urinario. Gli asparagi, in particolare quelli selvatici, sono ricchi di antociani. Per questo sono degli ottimi antiossidanti che aiutano il corpo a proteggersi dagli effetti dei radicali liberi. Attenzione però a non cuocerli troppo.