Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Per il Fai non ci sono tesori all'aperto da scoprire sulle Madonie
Cefalunews

Per il Fai non ci sono tesori all’aperto da scoprire sulle Madonie

Tornano oggi e domani 28 giugno le Giornate Fai con un’edizione speciale per permettere di godere in sicurezza dello straordinario patrimonio d’arte e natura del nostro Paese. Negli oltre duecento luoghi che il Fai propone per l’edizione di quest’anno nessuno appartiene alla Madonie. Quest’anno le Giornate del Fai vedranno i volontari della delegazione raccontare la Sicilia anche dal punto di vista naturalistico e paesaggistico, con particolare attenzione ai temi ambientali. Ad Agrigento, i visitatori potranno ammirare i giardini di Villa Genuardi e ad Aragona la suggestiva villa Genuardi dove i visitatori potranno godere della straordinaria bellezza della natura circostante. A Catania si potrà visitare il Castello Ursino. A Giarre, in provincia di Catania, un’altra visita all’aperto nel parco Radicepura, colmo di settemila varietà di piante. Ad Acireale è organizzata la visita al parco di Villa Pennisi, uno dei pochi giardini resistiti alla speculazione edilizia. A Nicosia, in provincia di Enna, quest’anno i volontari del Fai mostreranno la Cona del Gagini nella Basilica di Santa Maria Maggiore. A Calascibetta, si potrà ammirare il Villaggio Bizantino Canalotto. A Messina si potrà visitare a Forte Cavalli, una delle ventidue batterie facenti parte del sistema difensivo dello Stretto di Messina. A Palermo si potrò andare sull’affluente Sant’Elia del fiume Oreto ma anche nello storico Giardino Inglese. Spazio anche alle visite di Villa Giulia. Fra i luoghi da visitare anche il sentiero Cento Scale in provicnaid i Sioracusa. A Priolo Gargallo sarà possibile fare una passeggiata nella riserva dei fenicotteri alle Saline di Priolo e alla Guglia di Marcello. Si potrà anche visitare la Salina di Trapani nella Riserva Naturale Orientata e a Paceco.