Cosa succede a chi mangia uova scadute? Ecco l’incredibile riposta

Cosa succede a chi mangia uova scadute? E’ molto rischioso per la propria salute. Possono scatenare la Salmonellosi che è una infezione gastroenterica. I sintomi sono nausea, vomito, diarrea, crampi addominali, mal di testa e febbre. L’Autorità europea per la sicurezza alimentare consiglia di non mangiare uova oltre la data di scadenza.

Cosa indica la data sulle uova? Può indicare la data di consumo raccomandato (da vendersi entro) ovvero entro 21 giorni dalla deposizione. Può indicare“da consumarsi preferibilmente entro” e vale per 28 giorni dalla deposizione. Sulle etichette delle uova ci sono due date: quella di deposizione e quella di scadenza. Il rischio di contaminazione da salmonella aumenta del 40% per le uova se consumate leggermente cotte e del 50% se consumate crude.

Come si previene la salmonellosi?

Comprare le uova in luoghi sicuri. Tenerle lontane da altri alimenti. Attenzione a maneggiare il guscio delle uova senza che finisca nel tuorlo o nell’albume. Lavarsi sempre bene le mani quando si entra in contatto col guscio delle uova.Tenere le uova in frigo ben separate dal resto degli alimenti.

Come vanno conservate le uova?

Bisogna conservarle a basse temperature. E’ bene metterle sul ripiano intermedio del frigorifero dove la temperatura è fra i 4 e i 5°C. Le uova vanno lasciate sempre nelle loro confezioni. Non lavarle mai prima di metterle nel frigo perché va via la cuticola protettiva (mucina) del guscio e favoriamo la penetrazione di microrganismi all’interno.

Come ci si accorge se le uova sono scadute? Il modo più semplice è di metterle in una ciotola con acqua fredda. Se l’uovo si deposita sul fondo è fresco. In caso contrario non lo è soprattutto quando galleggia in superficie. Le uova fresche, infatti, hanno pochissima aria e si depositano subito sul fondo.