Un centinaio di cani segregati a Misilmeri. Denunciato gestore di un canile

Personale del Distaccamento Forestale di Piana degli Albanesi, collaborato dalla Polizia Municipale di Misilmeri, ha posto sotto sequestro un canile in contrada Feotto Cannita nel territorio di Misilmeri. Denunciato il gestore C.A.M. di 62 anni. Gli animali, 102 cani di razza meticcia, sono stati visitati dal medici veterinari dell’Asp di Palermo – Distretto di Bolognetta e Misilmeri. Gli animali sono in buona salute e ottimo stato di nutrizione, gli stessi sono stati tutti microcippati e registrati nella banca nazionale canina in carico al comune di Misilmeri. Le strutture in cui erano ricoverati i cani sono risultate abusive e realizzate con materiali fatiscenti, e pertanto il benessere psicofisico degli animali era appena sufficientemente garantito.

Sono state inoltre riscontrate violazioni alla legge sui rifiuti in quanto il canile era sprovvisto di idoneo sistema di smaltimento dei rifiuti prodotti dalle deiezione degli animali. Infatti quelli allo stato solido venivano raccolti in dei sacchi e depositati in area vicina fiume Eleuterio mentre quelli allo stato liquido si disperdevano nel terreno. La Procura della Repubblica di Termini Imerese ha disposto il sequestro delle strutture abusive e dei 102 cani affidandone la custodia giudiziaria al comune di Misilmeri.