Mangiare una mela al giorno fa male: l’incredibile rivelazione

La mela è il “frutto” tipico per eccellenza, presente e comune in praticamente ogni forma di cultura da millenni, ed esistente oggi in oltre 7000 varianti, tutte accomunate da alcune peculiarità oramai conosciute. Quello che chiamiamo mela non costituisce il frutto vero e proprio ma si tratta di un falso frutto, in quanto il frutto di per se è il torsolo. La mela, nelle sue numerosissime varianti, cresce in quasi ogni condizione di temperatura e condizione, ed è indibbiamente tra quelli di natura più destagionalizzata al mondo (ossia vi è disponibilità tutto l’anno). Presente fin dalla notte dei tempi nelle culture e nei modi di dire, il più famoso è sicuramente “una mela al giorno toglie il medico di torno”. Ma è vero?

Benefici

La mela effettivamente risulta essere ricca di sostanze fondamentali per il nostro organismo: un buon apporto di vitamine, acqua e sali minerali mentre non contiene grassi né proteine, ha pochissime calorie (meno di 50 per 100 grammi di frutto) e contiene esclusivamente zuccheri naturali della frutta, tra l’altro in quantità non eccessive. Le mele sono consumate sopratutto a fine pasto, ma anche sotto forma di succo o sidro, nonchè come contorno vero e proprio, ad esempio “accanto” a diverse tipologie di carne.

Mangiare una mela al giorno fa male: l’incredibile rivelazione

Mangiare una mela al giorno fa bene, a patto di non essere considerato un soggetto allergico: seppur in minoranza, le persone che manifestano qualche forma di intolleranza nei confronti di questi diffusi frutti è in aumento.

Seppur molto nutriente e dotata di un elevato potere saziante un apporto di mela, anche se costante non può per forza di cose prendere il posto di una dieta varia ed equilibrata. Per massimizzarne gli effetti positivi è estremamente consigliabile consumarla con la buccia, che è la parte che contiene il principale apporto di fibre, utile per il processo digestivo.