La Regione revoca l’incarico al presidente dell’Ente Parco delle Madonie

La Regione revoca l’incarico al presidente dell’Ente Parco delle Madonie. All’albo regionale pubblicate le decisioni a firma del presidente Schifani.  Revocati i presidenti dei 4 Parchi regionali: Madonie, Etna, Alcantara e Nebrodi. Una decisione che arriva in un momento storico  delicato per l’Ente Parco delle Madonie in quanto è impegnato in progetti di carattere internazionale, attraverso la stipula di rapporti di collaborazione e convenzione con Enti, Istituzioni e Geoparchi stranieri ed, inoltre, nei prossimi mesi sarà soggetto al processo di rivalidazione per l’appartenenza alla rete Unesco dei Geoparchi. Proprio in vista di questo appuntamento, nel corso dell’ultimo anno, sono state avviate parecchie attività utili al mantenimento del Parco delle Madonie nella rete Unesco e la stabilità amministrativa è uno dei requisiti fondamentali per il processo di rivalidazione.
L’Ente Parco delle Madonie inoltre è riuscito ad ottenere diversi finanziamenti extra bilancio, come quelli a valere sui fondi del PNRR per la digitalizzazione, fondi per la pianificazione forestale, ben due progetti del programma Erasmus+ di cui uno con funzione di Coordinatore. Ha avviato un percorso virtuoso di pianificazione di risorse per investimenti dell’Ente, e per la prima volta è riuscito a diversificare le fonti di finanziamento attraverso la valorizzazione e ristoro dei Servizi Ecosistemici incassando contributi economici da parte di privati per azioni di restauro ambientale.
La Regione revoca l’incarico al presidente dell’Ente Parco delle Madonie. Pertanto, nella considerazione delle attività pianificate e alla luce degli impegni di rivalidazione UNESCO sopra descritti, nonché per portare a compimento i numerosi progetti nazionali in itinere, dal Parco delle Madonie si chiede a tutti gli organi competenti  di voler assicurare, una adeguata continuità amministrativa di lungo termine.
Nel decreto presidenziale si legge: ” l’Assessore regionale per il territorio e l’ambiente ha, tra l’altro specificato che provvederà a nominare un Commissario
straordinario, ai sensi dell’art. 27-bis della legge regionale n. 98/1981, nelle more dell’individuazione del soggetto più idoneo a ricoprire la carica di Presidente dell’Ente
Parco delle Madonie, al fine di garantire la continuità dell’azione amministrativa e di non compromettere la funzionalità dell’Ente medesimo e assicurarne la gestione”.