I fuochi artificiali sono pronti a esplodere al termine dei 58 giri del Gran Premio di Abu Dhabi

I fuochi artificiali sono pronti a esplodere al termine dei 58 giri del Gran Premio di Abu Dhabi, domenica prossima, facendo così calare il sipario sulla stagione 2023, che vivrà tuttavia un’appendice martedì 28 novembre con l’ultima sessione di test dell’anno. Per Ferrari sarà un finale di grande peso: è ancora aperta la lotta con Mercedes per il secondo posto nel Mondiale Costruttori, con il distacco dopo Las Vegas che si è ridotto ad appena quattro punti. C’è inoltre da definire la classifica Piloti, nella quale Carlos in questo momento è quarto appaiato a Fernando Alonso mentre Charles è settimo.

Tre piloti. Per la seconda volta in questa stagione la Scuderia sarà in pista con tre piloti. Oltre ai titolari salirà sulla SF-23 anche il reserve driver Robert Shwartzman, che prenderà il posto di Charles Leclerc nella prima sessione di prove libere, dopo che a Zandvoort aveva sostituito Carlos Sainz. Il ragazzo classe 1999 sarà al volante di una delle Ferrari anche martedì nella giornata di test di fine stagione, mentre Carlos e Charles si alterneranno al volante dell’altra monoposto.

Sorpassi difficili.

Il circuito di Yas Marina è stato reso più veloce a partire dal 2021 e a guadagnarne è stato lo spettacolo, anche se superare continua a essere un’operazione molto difficile e la pista non ha cambiato le sue caratteristiche fondamentali rimanendo da alto carico aerodinamico. Nel settore 2 si trovano entrambi i punti adatti ai sorpassi. Uno è al termine del lungo dritto da 1,2 km, dopo curva 5, ed è la prima occasione in cui è possibile aprire il DRS. Attenzione, però: non sbagliare la frenata di curva 6 è fondamentale, visto che è seguita dall’altro rettilineo sul quale è possibile sfruttare l’ala mobile per i sorpassi, ma i piloti devono mettersi subito al riparo da un immediato controsorpasso. Il terzo settore è molto tecnico e tortuoso ma è anche quello che può fare la differenza in qualifica perché è importante arrivarci con le gomme ancora in condizione di garantire un buon livello di trazione.

I fuochi artificiali sono pronti a esplodere al tramonto.

Come sempre la gara prenderà il via al tramonto, con la luce del sole radente diretta proprio sui caschi dei piloti, che però nello scegliere la visiera devono anche tenere presente che la maggior parte della corsa si svilupperà con il buio, alla luce dei riflettori. La seconda sessione di prove libere sarà preziosa perché proporrà la pista in condizioni simili a quelle di qualifica e gara e sarà dunque importante per comprendere come gestire al meglio le gomme sia sul giro lanciato che con carico di carburante. Le caratteristiche del circuito, con diverse curve da alta velocità, fanno sì che gli pneumatici siano spesso messi a dura prova. Per questo lo scorso anno la strategia a due soste risultò la migliore. Come dimostra la storia, Safety Car e bandiere rosse possono spesso cambiare le carte in tavola, quindi i team devono tenersi aperte più opzioni possibili.

Ferrari

Programma

Venerdì 24 novembre
Ore 13.30 (10.30 CET) Prove libere 1
Ore 17 (14 CET) Prove libere 2

Sabato 25 novembre
Ore 14.30 (11.30 CET) Prove libere 3
Ore 18 (15 CET) Qualifiche

Domenica 26 novembre
Ore 17 (14 CET) Gara

I fuochi artificiali sono pronti a esplodere al termine dei 58 giri del Gran Premio di Abu Dhabi. Grande spettacolo

Torna in alto