Inizia il Triduo Pasquale: Celebrazione della Cena del Signore nella Cattedrale di Cefalù (foto)

Inizia il Triduo Pasquale: Celebrazione della Cena del Signore nella Cattedrale di Cefalù. La solenne Messa della Cena del Signore ha dato il via al Triduo Pasquale nella suggestiva cornice della Cattedrale di Cefalù. Sotto la guida di S.E. Rev.ma Mons. Giuseppe Marciante, l’evento ha raccolto fedeli e devoti per celebrare uno dei momenti più significativi della liturgia cristiana.
Durante la liturgia, si è tenuto il toccante Rito della Lavanda dei Piedi, un gesto simbolico che ricorda l’umiltà e il servizio di Gesù verso i suoi discepoli.
Nella sua Omelia, il Vescovo, ha voluto sottolineare il gesto simbolico di Gesù raccontato nel Vangelo. “…. si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto.”.
Al termine della Liturgia Eucaristica, l’attenzione si è concentrata sull’adorazione del Santissimo Sacramento, portato in processione verso l’Altare della Reposizione. Qui, tra germogli di grano che simboleggiano la vita nuova, conosciuto localmente come “U Lavurieddu”, i fedeli hanno potuto adorare e meditare sul mistero della Pasqua.
La partecipazione alla celebrazione non è stata limitata ai soli fedeli, ma ha coinvolto anche rappresentanti delle Confraternite cittadine, che hanno reso l’evento ancora più solenne e partecipativo.
La Città di Cefalù è stata rappresentata dall’Assessore alla Cultura, Prof. Antonio Franco.
L’atmosfera spirituale è stata arricchita dall’animazione della corale parrocchiale, diretta con maestria da Giorgia Ferrara, mentre le maestose note dell’organo hanno reso l’esperienza ancora più suggestiva, grazie al talento del Maestro Diego Cannizzaro.
Questa cerimonia ha segnato l’inizio di un periodo di riflessione e devozione in preparazione alla Pasqua, invitando i fedeli a immergersi pienamente nel significato spirituale di questo tempo liturgico.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto