Non solo da bere: curiose ricette con la grappa!

Un’eccellenza tutta italiana: la grappa

La grappa è un’acquavite di vinaccia prodotta in diverse regioni, tra cui la Lombardia, il Trentino Alto-Adige (con la pera Williams, specialità locale) e la Sicilia. Tra le più pregiate, le grappe barricate (invecchiate in un contenitore chiamato barrique), quelle conservate in botti di legno ed infine quelle aromatizzate con erbe, radici e frutti. Per degustarla, si consiglia il bicchiere tulip oppure il balloon per quelle invecchiate.
Perfetta da gustare a fine pasto come digestivo ed ideale per scaldarsi nelle gelide serate dìinverno -infatti è molto amata sulle zone alpine-, in pochi sanno che la grappa è anche un ottimo ingrediente per completare delle curiose e sfiziose ricette.
Presentiamo di seguito un intero menù dove la grappa è la protagonista, per stupire i vostri ospiti. Quella che consigliamo per l’utilizzo, è la grappa Sibona, acquistabile da SaporideiSassi.it. Buon appetito!

  • Risotto al ginepro, spinaci e grappa

Ingredienti per due persone:
– 180 g di riso carnaroli
– 500 g di spinaci
– 1 patata
– ½ cipolla
– 1 spicchio di aglio
– 20 g di bacche di ginepro schiacciate
– 200 ml di latte
– 200 ml di panna
– 300 g di parmigiano grattugiato
– 100 ml di olio extra vergine di oliva
– 6 foglie di spinacio
– grappa invecchiata
– sale
– amido di mais
– vino bianco
– burro

Preparate l’olio al ginepro mettendo in un sacchetto per il sottovuoto l’olio e le bacche, cuocete a bagnomaria a 55° per un giorno e filtrate con un colino. Tagliate la cipolla a julienne e cuocetela in olio, acqua ed uno spicchio di aglio e aggiungete la patata a fettine e dell’acqua bollente. Quando la patata sarà cotta, frullate il tutto con dell’olio extravergine. Sbollentate gli spinaci, raffreddateli in acqua e ghiaccio e frullateli insieme alla crema di patate. Bollite il latte e la panna ed aggiungete l’amido di mais; quando la crema sarà addensata togliete dal fuoco, aggiungete il parmigiano e frullate. Tostate il riso in olio e sale. Bagnate con il vino e fate sfumare, aggiungete acqua in ebollizione fino a coprire il riso. Lasciate evaporare l’acqua e mescolate. Prima della fine della cottura aggiungete la purea di spinaci e lasciate riposare il riso lontano dal fuoco. Mantecate con parmigiano e burro e disponete il risotto nei piatti con qualche goccia di salsa di parmigiano, le foglie crude di spinacio, una spruzzata di grappa ed un filo di olio al ginepro.

  • Seppie ripiene sfumate alla grappa

Ingredienti per due persone:
– 4 seppie piccole
– 100 g di carne di manzo tritata
– 1 uovo
– prezzemolo
– parmigiano grattugiato
– sale
– pepe
– rucola
– ½ bicchiere di grappa
– olio extra vergine di oliva

Pulite le seppie, eliminate l’osso e la sacca d’inchiostro e lavatele accuratamente. Intanto preparate il ripieno amalgamando in una ciotola la carne, l’uovo, il sale, il pepe, una manciata di parmigiano, il prezzemolo tritato ed un filo di olio extravergine di oliva. Riempite le seppie e chiudetele con degli stuzzicadenti. Adagiatele su una teglia, salatele ed avvolgetele in della carta di alluminio. Infornate a 200° per 20 minuti e quando mancano 10 minuti alla fine della cottura, spruzzate con della grappa e servitele con della lattuga.

  • Biscotti alla grappa e mandorle

Ingredienti per 30 biscotti:
– 100 g di mandorle
– 150 g di farina di farro integrale
– 100 g di zucchero integrale di canna
– un pizzico di sale
– 80 ml di olio extravergine di oliva
– 50 ml di grappa
– un pizzico di cannella

Tritate le mandorle e in una ciotola unite la farina, lo zucchero, il sale e la cannella, mescolate gli ingredienti e formate una fontana, unite al centro l’olio e la grappa e impastate fino ad ottenere un panetto compatto, avvolgete nella pellicola e riponete in frigo per 30 minuti. Stendete l’impasto in una sfoglia alta circa ½ cm, create dei biscotti, adagiateli su una placca rivestita di carta forno ed infornate in forno preriscaldato a 180° per 15 minuti.