Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Primo caso di coronavirus a Campofelice: 130 persone in isolamento e tutti stanno bene
Cefalunews

Primo caso di coronavirus a Campofelice: 130 persone in isolamento e tutti stanno bene

Primo caso di coronavirus a Campofelice di Roccella. Ad annunciarlo è il sindaco Michela Taravella. Erano stati due i tamponi eseguiti su due residenti. Uno di questi è risultato positivo. «Certamente è difficile – scrive il sindaco – apprendere questo esito, anche perché la notizia, inevitabilmente, genera preoccupazione e paura. Non dobbiamo però farci prendere dallo sconforto, né dal panico, che in questo momento è solo controproducente. Come Sindaco, sento di tranquillizzare tutta la popolazione sul fatto che la situazione, nella nostra Comunità, è sotto controllo». Lo stesso primo cittadino dice che la persona risultata positiva è in quarantena da oltre 8 giorni, si trova in buone condizioni generali di salute, è costantemente monitorato dal medico di medicina generale e non desta alcuna preoccupazione. Coloro che hanno avuto contatti diretti ed indiretti con il predetto concittadino sono stati tempestivamente posti in quarantena, 8 giorni fa e sono in condizioni generali di salute buone. «Tutto è sotto controllo in modo analitico. Ad oggi, abbiamo 130 persone in isolamento, fiduciario ed obbligatorio, molti stanno per completare l’isolamento, senza alcuna sintomatologia e questo è sicuramente un segnale positivo. Coloro che sono rientrati da altre Regioni o dall’Estero, dal 14 marzo in poi, sono stati posti tutti in isolamento obbligatorio, insieme ai familiari conviventi e saranno sottoposti al tampone prima della fine della quarantena. Devo dire che i miei concittadini stanno rispondendo bene alle prescrizioni imposte, tuttavia, sono tante le denunce formalizzate nella nostra comunità dai Carabinieri, dalla Polizia municipale e dalle altre forze dell’ordine che presidiano il territorio. Bisogna preservare questo lavoro fatto con grande sacrificio, grazie alla sinergia tra Amministrazione, forze dell’ordine e dei Medici di Medicina generale. Dobbiamo assolutamente continuare a stare a casa ed evitare ogni contatto sociale. Noi continueremo a fare il nostro dovere, con determinazione e risolutezza, vigilando e preservando il territorio con il massimo rigore».

Un abbraccio affettuoso a tutti.
Insieme ce la faremo.

lL VOSTRO SINDACO