Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Cosa succede a chi mangia la pasta velocemente? Ecco l'incredibile risposta
Cefalunews

Cosa succede a chi mangia la pasta velocemente? Ecco l’incredibile risposta

Cosa succede a chi mangia la pasta velocemente? Mangiare la pasta velocemente fa ingrassare. Lo hanno scoperto alcune ricerche scientifiche che hanno evidenziato come coloro che mangiano più velocemente inghiottono in media 88 grammi di cibo al minuto, contro i 57 grammi di coloro che mangiano lentamente. La velocità con cui si mangia la pasta è correlata all’indice di massa corporea e quindi al grado di sovrappeso. In altre parole un indice di massa corporea più alto si associa alla tendenza a mangiare più veloce la pasta. Le ricerche hanno anche evidenziato che mangiando la pasta integrale inevitabilmente e spontaneamente si mastica più lentamente rispetto a quando consumiamo invece la pasta fatta con cereali raffinati. La pasta integrale, infatti, è più fibrosa.

Quali cibi vanno mangiati lentamente? Gli insaccati perché apportano molto sale. Mangiare gli insaccati lentamente significa mangiarne di meno rispetto a coloro che invece li mangiano velocemente. Gli insaccati, infatti, apportano molto sale che è responsabile di ritenzione idrica e cellulite. Il sale è anche nemico dell’ipertensione. Gli insaccati apportano anche aromi, additivi e polifosfati che vengono aggiunti per rendere questi alimenti più buoni da mangiare. Additivi e polifosfati fanno male alla salute. Mangiando velocemente gli insaccati si finisce col mangiare molte di queste sostanze dannose per la salute. di carni bianche, come affettati di tacchino e pollo, da abbinare a una porzione di verdure crude fresche condite con limone.

Quali cibi si possono mangiare velocemente? Tutti i cibi integrali. Quando si mangiano prodotti integrali, infatti, si mastica più lentamente rispetto a quando consumiamo pane, pasta o cereali raffinati. I prodotti integrali, infatti, sono più fibrosi ed hanno bisogno di essere masticati più a lungo e intensamente. I cibi integrali si ottengono dalla semola integrale dei cereali. La semola integrale non viene sottoposta ai processi di raffinazione utilizzati per ottenere invece tutte le farine bianche. Nell’integrale sono presenti tutte le componenti del chicco: crusca, endosperma e germe, che contengono nutrienti importanti per l’organismo, al contrario della farina bianca che è invece composta in prevalenza da amidi.

Quali sono i benefici della pasta? La pasta accelera il metabolismo e per questo non bisogna mai eliminarla dalla dieta. La pasta sazia più velocemente perché i suoi carboidrati hanno tempi lunghi di assorbimento e fornisce zuccheri complessi necessari per ogni sforzo fisico e mentale. La pasta aiuta il corpo a lavorare di più, meglio e più a lungo. La pasta aiuta a pensare perché è facilmente digeribile e quindi fornisce subito al cervello zuccheri indispensabili per gestire l’attenzione ma anche la concentrazione. La presenza nella pasta di alcune vitamine del gruppo B è utile per il corretto funzionamento del sistema nervoso.

Come cuocere la pasta al dente? La pasta deve essere cotta alla perfezione e quindi deve essere scolata leggermente “al dente”, così da esaltarne al massimo il sapore e il gusto. Ci sono tre regole da osservare. Per 1 litro di acqua occorrono 10 grammi di sale ogni 100 grammi di pasta. Rispettare queste proporzioni è fondamentale. Questo consente alla pasta di muoversi bene all’interno della pentola piena di acqua durante la cottura. Queste proporzioni portando la buona acqua più rapidamente al punto di ebollizione dopo averla versata. Fare cuocere la pasta 1 minuto in meno rispetto al tempo indicato sulla confezione.