Quante clementine mangiare per ridurre il colesterolo, evitare picchi di glicemia e il rischio di gastrite, stitichezza, allergia con altre malattie

Le clementine sono un tipo di frutto con tantissime proprietà utili al nostro organismo. Apportano appena 46 calorie. Sono ricche di acqua, fibre, proteine e povere di grassi. Contengono vitamina A, C, B e PP. Hanno acido ascorbico, folico e citrico.

Quali sono i benefici delle clementine?

Le clementine rafforzano il sistema immunitario grazie all’ottima presenza di vitamina C. Possono diminuire i rossori legati all’acne e rendere la pelle più tonica e lucente. Le loro fibre sono utili per il corretto funzionamento dell’intestino e contro la stipsi. Sono particolarmente digeribili e nutrienti. Grazie all’antiossidante esperidina proteggono le cellule da agenti ossidanti, riducendo il rischio di tumori e malattie cardiovascolari. Migliorano l’integrità vascolare e la permeabilità vascolare. Apportano la narirutina che è un antiossidante che aiuta a migliorare la salute mentale e potenzia contro il morbo di Alzheimer. Grazie ai carotenoidi contrastano l’invecchiamento della pelle.

Le clementine riducono il colesterolo?

Il loro consumo aiuta a ridurre i livelli di colesterolo cattivo presenti nel sangue. Secondo uno studio di ricercatori statunitensi e canadesi la loro buccia contiene un composto, i flavoni polimetossilati (PMF), che può abbassare il colesterolo in modo più efficace di alcuni farmaci da prescrizione e senza effetti collaterali.

Le clementine evitano i picchi di glicemia?

No. Chi ha la glicemia alta deve stare molto attento ad assumere le clementine. Hanno un indice glicemico pari a 30. Questo numero indica la velocità con cui si alza la glicemia nel sangue. Il suo picco dipende anche dalla presenza di proteine, grassi, fibre e acqua del pasto completo, e quindi dei cibi che si mangiano insieme. Grassi e proteine e acqua, possono rallentare la digestione, aiutando a diminuire l’indice glicemico del pasto e quindi la glicemia nel sangue.

Quando non mangiare le clementine?

Non bisogna mangiarle in presenza di queste situazioni:

  • Reflusso gastroesofageo
  • Gastrite
  • Allattamento
  • Allergie e intolleranze

Quante clementine mangiare durante il giorno?

Ecco quante clementine mangiare per ridurre il colesterolo, evitare picchi di glicemia e il rischio di gastrite, stitichezza, allergia con altre malattie. Consigliamo di non mangirne mai più di due al giorno. Altri consigliano di mangiarne una porzione da 150 g una volta al giorno alternando nei giorni il loro consumo con altre tipologie di frutta. Per contrastare l’obesità e ridurre il proprio peso non bisogna mangiarne più di due nell’arco della giornata. Contenendo zuccheri bisogna limitarne l’assunzione.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto