Cos’è e a che serve un convertitore seriale ethernet

moxa-nport-5100-series-image-1-(2)_NPORT_5110_2-cefalu

Per poter trasmettere i dati in maniera efficiente verso altri dispositivi e server di rete è necessario utilizzare un convertitore seriale ethernet, un dispositivo in grado di connettere dispositivi caratterizzati da interfaccia seriale a una rete locale, per la trasmissione dei dati su una rete ethernet o wireless.

Il convertitore seriale-ethernet è progettato in modo tale da assicurare il buon funzionamento della connessione nel momento in cui un utente accede ai dispositivi collegati in rete, come se fosse collegato direttamente alla porta seriale. Un processo perfetto per una comunicazione in cui l’accesso clienti necessita di essere indipendente da qualsiasi protocollo proprietario o sistema operativo.

L’utilizzo di un convertitore seriale ethernet, in azienda, prevede l’uso di funzionalità di sicurezza avanzate, autenticazione degli utenti e crittografia dei dati, nonché una serie di pratiche che garantiscono un’efficiente e sicura trasmissione dei dati attraverso il sistema di rete aziendale.

Che cos’è e come funziona un convertitore seriale-Ethernet   come si installa

Quando si parla di un convertitore da seriale a ethernet si fa riferimento a un prodotto elettronico in grado di convertire i dati provenienti dalla rete TCP/IP in segnali di dati seriali o viceversa.

Questo strumento ha la funzione di reindirizzare un dispositivo seriale attraverso la rete, eliminando la necessità di utilizzo di una connessione fisica su un computer, affidandosi interamente sul sistema di rete LAN.

Gli adattatori da seriale a Ethernet in commercio possono essere dispositivi hardware che richiedono l’installazione di un software e una specifica procedura per la loro configurazione, un convertitore invece non richiede alcun hardware aggiuntivo ed è caratterizzato da una configurazione semplice, per questo motivo è definito uno strumento “già pronto all’uso”.

L’installazione di un convertitore seriale-ethernet, in base alla tipologia scelta, è ideale per le seguenti situazioni:

  • La sostituzione del cablaggio seriale con Ethernet;
  • Per configurare porte COM virtuali per il collegamento di pc e server ai dispositivi seriali remoti;
  • Per effettuare comunicazioni con più dispositivi seriali tramite un’unica rete;
  • Per sostituire connessioni seriali esistenti;
  • Collegare PLC seriali e accessori all’Ethernet.

Perché usare un convertitore seriale ethernet?

L’utilizzo di un convertitore seriale-ethernet può semplificare il lavoro in azienda, applicando lo strumento a sistemi automatizzati, comunicazioni da seriale a IP e in gran parte dei reparti presenti all’interno di un’impresa.

In questo modo è possibile fornire alla macchina l’accesso remoto a qualsiasi periferica con porta COM sulle reti Ethernet, WAN, WLAN, VPN e internet. Appositi software dati assieme al convertitore permettono di creare un numero illimitato di porte COM su un sistema aziendale, senza alcun hardware o cavo aggiuntivo.

A chi serve?

Ricapitolando, a chi serve un convertitore da seriale a ethernet e quando si utilizza? In ambito industriale e di consumo è fondamentale investire su un convertitore seriale-ethernet per accedere e controllare da remoto i sensori di monitoraggio industriale, le macchine collegate alla rete, lo scanner o anche delle semplici stampanti remote.

Grazie a questo strumento, che permette lo svolgimento automatico di determinati processi, da remoto, è, quindi, possibile aumentare l’efficienza e la produttività, risparmiando tempo.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto