Inizia la costruzione del cacciatore di asteroidi di nuova generazione della NASA: il Near-Earth Object Surveyor

Inizia la costruzione del cacciatore di asteroidi di nuova generazione della NASA. Un telescopio spaziale progettato per cercare gli asteroidi e le comete più difficili da trovare che vagano nelle vicinanze orbitali della Terra. Il Near-Earth Object Surveyor ( NEO Surveyor ) della NASA ha recentemente superato una rigorosa revisione tecnica e programmatica. Ora la missione sta passando alla fase finale di progettazione e fabbricazione e sta stabilendo la sua linea di base tecnica, dei costi e del programma. (Ricordiamo con l’occasione il Progetto sul Monte Mufara, Parco delle Madonie).
La missione supporta gli obiettivi del Planetary Defense Coordination Office ( PDCO ) della NASA presso il quartier generale della NASA a Washington. Il NASA Authorization Act del 2005 ha ordinato alla NASA di scoprire e caratterizzare almeno il 90% degli oggetti vicini alla Terra. Quelli di oltre 140 metri (460 piedi) di diametro che si trovano entro 30 milioni di miglia (48 milioni di chilometri) dall’orbita del nostro pianeta. Oggetti di queste dimensioni sono in grado di causare danni regionali significativi, o peggio, se dovessero colpire la Terra.
“NEO Surveyor rappresenta la nuova generazione della capacità della NASA di rilevare, tracciare e caratterizzare rapidamente oggetti vicini alla Terra potenzialmente pericolosi”, ha affermato Lindley Johnson, Planetary Defense Officer della NASA presso PDCO.
“I telescopi terrestri rimangono essenziali per noi per osservare continuamente i cieli, ma un osservatorio a infrarossi spaziale è l’ultima novità che consentirà la strategia di difesa planetaria della NASA”.
Gestito dal Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, NEO Surveyor viaggerà per un milione di miglia verso una regione di stabilità gravitazionale – chiamata punto di Lagrange L1 – tra la Terra e il Sole.  Dove il veicolo spaziale orbiterà durante la sua missione primaria di cinque anni.

Da questa posizione, il NEO Surveyor osserverà il sistema solare in lunghezze d’onda infrarosse, una luce invisibile all’occhio umano. In modo che il veicolo spaziale possa tracciare gli oggetti vicini alla Terra più difficili da trovare, come asteroidi oscuri e comete che non riflettono molto visibile luce. Nelle lunghezze d’onda dell’infrarosso a cui NEO Surveyor è sensibile, questi oggetti brillano perché riscaldati dalla luce solare.

Inoltre, NEO Surveyor sarà in grado di trovare gli asteroidi che si avvicinano alla Terra dalla direzione del Sole. Così come quelli che guidano e seguono l’orbita del nostro pianeta, dove sono tipicamente oscurati dal bagliore della luce solare, oggetti noti come Earth Trojans .

“Per la prima volta nella storia del nostro pianeta, gli abitanti della Terra stanno sviluppando metodi per proteggere la Terra deviando pericolosi asteroidi”. Lo ha affermato Amy Mainzer, direttrice del sondaggio della missione presso l’Università dell’Arizona a Tucson. «Ma prima di poterli deviare, dobbiamo prima trovarli. NEO Surveyor sarà un punto di svolta in questo sforzo.

“Il team di progetto, inclusi tutti i nostri collaboratori istituzionali e industriali, è già molto impegnato nella progettazione e nella fabbricazione di componenti che alla fine diventeranno hardware di volo”, ha affermato Tom Hoffman, project manager NEO Surveyor presso JPL. “Mentre la missione entra in questa nuova fase, siamo entusiasti di lavorare su questo telescopio spaziale unico e non vediamo l’ora del nostro lancio e dell’inizio della nostra importante missione”.

La missione è incaricata dalla Planetary Science Division della NASA all’interno della Science Mission Directorate; la supervisione del programma è fornita dal PDCO, istituito nel 2016 per gestire gli sforzi in corso dell’agenzia nella difesa planetaria. Il Planetary Missions Program Office della NASA presso il Marshall Space Flight Center fornisce la gestione del programma per NEO Surveyor.

Il progetto è stato sviluppato da JPL ed è guidato dal direttore del sondaggio Amy Mainzer presso l’Università dell’Arizona. Società aerospaziali e di ingegneria affermate sono state incaricate di costruire il veicolo spaziale e la sua strumentazione, tra cui Ball Aerospace, Space Dynamics Laboratory e Teledyne. Il Laboratorio per la fisica dell’atmosfera e dello spazio presso l’Università del Colorado, Boulder supporterà le operazioni, e l’IPAC-Caltech di Pasadena, in California, è responsabile dell’elaborazione dei dati del sondaggio e della produzione dei dati della missione. Caltech gestisce JPL per la NASA.

Ulteriori informazioni su NEO Surveyor sono disponibili su:

https://solarsystem.nasa.gov/missions/neo-surveyor

Torna in alto