Pasta al dente: fa bene? Ecco la verità che nessuno conosce, “incredibile”

pasta

La pasta è alimento molto amato dagli italiani ed è apprezzata anche in tutto il mondo. È infatti tra gli alimenti più diffusi. C’è chi la mangia scotta e chi invece al dente. Sono però in tanti a chiedersi se quella al dente faccia bene o può recare danni al nostro organismo. Andiamo dunque a vedere la verità su quale pasta è migliore.

Pasta al dente: fa bene? Ecco la verità che nessuno conosce, “incredibile”

Molte persone preferiscono quella al dente perché appunto è più digeribile, ma se mettiamo la parte la preferenza, possiamo affermare che quella al dente è sicuramente più salutare dell’altra. Infatti molte proprietà benefiche vengono perse nel momento che scuoce. Quindi oltre al sapore, a cambiare sono anche i benefici.

Nella pasta al dente c’è un minor digestione degli amidi che permette una dismissione più lenta delle molecole di glucosio che si trovan nell’amido stesso. In questo caso c’è un minor impatto sull’indice glicemico e una minore stimolazione alla produzione di insulina. In questo caso la pasta ha un minor impatto sul deposito di grasso nell’organismo.

Molti studi hanno dimostrato che nella pasta scotta si ha un rilascio dell’amido e quando la cottura è troppo prolungata anche l’acqua viene assorbita dalla pasta. In questo caso si ha una pasta sgradevole al gusto e poco digeribile perchè alza i livelli di secrezione acida gastrica.

Un altro punto a favore di quella al dente, è che non scuocendola è anche adatta alle persone diabetiche, rispetto all’altra, perchè ha un più basso indice glicemico. In ogni caso quindi, se non consideriamo le preferenze di ogni persona, possiamo affermare che la pasta al dente è sicuramente migliore e fa molto bene al nostro corpo, ovviamente se non si esagera con le quantità.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto