Bere acqua e aceto di mele fa bene. Ecco cosa succede alla glicemia

acqua

Durante questi giorni di inizio estate non c’è cosa più buona di bere un poco di acqua per placare l’arsura. Dissetarsi è un’azione innata che tutti facciamo più volte nell’arco della giornata per reintegrare l’acqua che perdiamo col sudore con i preziosi Sali minerali che contiene. Ci sono persone che bevono l’acqua senza problemi ma ve ne sono delle altre, invece, come gli anziani e i bambini, che assumere durante il giorno un poco di acqua non è molto facile.

Spesso anziani e bambini preferiscono le bevande gassate che però sono ricche di zuccheri. Tra le bevande che vengono indicate per dissetarsi c’è anche l’acqua aromatizzata che però è una miscela di acqua con alcuni ingredienti che la rendono più piacevole da bere. Fra questo tipo di acqua vi è quella che aggiunge solo un poco di sapore ma c’è anche quella che apporta delle interessanti proprietà benefiche come l’acqua con aceto di mele. Bere acqua e aceto di mele, infatti, è un ottima bevanda per la nostra salute perché oltre a dissetarci migliora la nostra digestione perché attiva alcuni enzimi digestivi. Inoltre bere acqua con aceto di mele sgonfia l’addome e diminuisce la ritenzione idrica soprattutto negli arti inferiori.

Inoltre acqua e aceto di mele riesce in alcuni casi anche a ripopolare la nostra flora batterica intestinale ed è buona anche perché aiuta il transito e combatte la stipsi. Il merito per tutto questo è dell’acido acetico che si trova nell’aceto di mele, che migliora anche l’andamento della glicemia nel post pranzo. Aiuta infatti a diminuire il senso di fame e alla fine di portano meno calorie al nostro organismo con la conseguenza che diminuisce anche il peso corporeo.

Quando bisogna bere l’aceto di mele? Il primo consiglio è di non berlo mai puro perché la sua acidità danneggia lo smalto dentale e compromette anche l’esofago. Bisogna bere l’aceto di mele sempre diluito in un poco d’acqua per non avere questi effetti negativi. L’altro consiglio è di non bere mai all’inizio di questo procedimento delle grosse dosi di aceto di mele, seppure diluite, ma di abituarsi alla sua gradevolezza con il passare del tempo, con un aumento sempre graduale.

Quando bisogna bere l’aceto di mele? Molti si chiedono se è meglio bere aceto di mele al mattino oppure la sera, se è preferibile berlo appena svegli o magari prima di andare a dormire. Il consiglio è di berlo poco prima o subito dopo i pasti principali. Uno studio scientifico sostiene che integrando un pasto con aceto si riduce la risposta di glicemia postprandiale. Ecco perché è sempre bene condire l’insalata, il pesce o la carne con un poco d’aceto.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto