Mangiare tutti i giorni fagioli in scatola: ecco la marca che fa male al cuore e alla digestione

I fagioli in scatola piacciono a tutti perchè sono pratici da mangiare in quanto richiedono meno tempo e sforzo nella preparazione rispetto a quelli secchi o freschi. I fagioli in scatola sono estremamente versatili e possono essere utilizzati per preparare una varietà di piatti deliziosi in modo rapido e semplice. Con questo tipo di fagioli si possono preparare insalate con pomodoro, cipolla rossa, prezzemolo, olio d’oliva e aceto balsamico ma anche zuppe, pasta, frittate, bruschette e salse.

Per avere i fagioli in scatola si mettono prima in ammollo e poi vengono cotti in grandi pentole o autoclavi a temperatura controllate fino a raggiungere la giusta consistenza. Dopo la cottura, i fagioli vengono raffreddati subito, scolati in lattine insieme a un liquido di conservazione che può contenere acqua, sale e talvolta addensanti o acidificanti. Le lattine di questo tipo di fagioli vengono sigillate ermeticamente, sterilizzate mediante calore, etichettate e sottoposti a controlli di qualità.

I fagioli in scatola fanno male al cuore? Sì perchè molte marche contengono una quantità significativa di sodio, che può essere dannoso per la salute cardiovascolare se consumato in eccesso. Alcune scatole di fagioli contengono salse o condimenti che possono essere ricchi di grassi saturi, zuccheri aggiunti o additivi che potrebbero influenzare negativamente la salute del cuore. Prima di acquistare i fagioli in scatola bisogna leggere le etichette degli ingredienti.

Nei fagioli in scatola ci può essere acido citrico, ascorbato di calcio, Glutammato monosodico e additivi per addensare o stabilizzare. In alcune marche di fagioli in scatola vengono aggiunti additivi come gomme o amidi per migliorare la consistenza o la stabilità del liquido di conservazione. In questo tipo di fagioli si possono utilizzare aromi artificiali per migliorare il sapore dei fagioli ma anche zucchero aggiunto per bilanciare il sapore e rendere il prodotto più appetibile e gustoso ma anche fa molto male alla salute dell’organismo.

In conclusione la marca di fagioli in scatola che fa male al cuore e alla digestione è quella che in etichetta non dice nulla sulla provenienza dei legumi e nemmeno sulla località nella quale sono stati confezionati. Bisogna stare molto attenti ai fagioli in scatola che in etichetta riportano moltio ingredienti fra i quali acido citrico, ascorbato di calcio, Glutammato monosodico, additivi per addensare o stabilizzare, gomme, aromi artificiali. Il consiglio, per quanto è possibile, è di non mangiare sempre fagioli in scatola ma di cucinare ogni tanto quelli secchi.