La pizza in scatola fa male: ecco la marca che fa male al cuore e al colesterolo

pizza

La pizza in scatola piace a tante persone perchè è molto pratica in quanto basta aprirla e, in molti casi, può essere riscaldata rapidamente nel forno diventando una soluzione veloce per i pasti. Questo tipo di pizza ha spesso una lunga durata di conservazione grazie al processo di congelamento o alla collocazione in atmosfera controllata e questo consente di averla sempre a portata di mano. La pizza in scatola si può comprare al supermercato scegliendola fra molti gusti.

La pizza in scatola può contenere proteine molto importanti per il nostro organismo, specialmente se contiene ingredienti come formaggio, carne o vegetali alternativi ricchi di queste sostanze proteiche. Questo tipo di pizza favorisce la salute digestiva se la pasta è preparata con farine integrali o componenti ricchi di fibre. La pizza in scatola contiene le vitamine (C e A) e i minerali (potassio) che si trovano nei suoi ingredieni come pomodori, peperoni, spinaci e altri ortaggi.

La pizza in scatola fa male? Sì quando non leggiamo la sua etichetta e compriamo quella di pessima qualità realizzata con scadenti componenti. Questo tipo di pizza si riconosce facilmente perchè ha una lunga lista di ingredienti in etichetta composta in massima parte da conservanti e additivi. La pizza in scatola fa male in particolare quando contiene molto sale che viene messo in questo alimento per conservarlo molto più a lungo.

La pizza in scatola può avere nitriti e nitrati che si hanno su alcune carni processate utilizzate fra i componenti, in particolare la salsiccia. In alcune marche di questa varietà di pizza ci sono coloranti artificiali che hanno effetti collaterali negativi sulla salute si trovano anche antiossidanti sintetici dannosi per l’organismo che vengono aggiunti per prolungare la durata di conservazione degli oli e dei grassi. Per migliorare la consistenza e la durata di scadenza della pizza in scatola si utilizzano emulsionanti e stabilizzanti che in grandi quantità fanno male.

In conclusione la marca di pizza che fa male al cuore e al colesterolo è facilissima da individuare perchè è quella che leggendo la sua etichetta ha una lunga lista di ingredienti con una quanità enorme di sale. La marca di pizza in scatola da non comprare è quella che non ha salsa di pomodoro fresce e formaggi di alta qualità. Quando si compra questa varietà di pizza bisogna sempre evitare quella che non dice nulla sulla qualità della farina utilizzata ed elenca molti conservanti.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto