A Cefalù la presentazione dei libri “Fiori mai nati” e “Malavita” di Giankarim De Caro

L’Associazione Culturale Mariposa organizza un incontro con lo scrittore Giankarim De Caro per la presentazione dei suoi libri “Fiori mai nati” e “Malavita”.
L’incontro si terrà giovedì 13 giugno 2024, alle ore 18.00, presso “Spazio Cultura”, iex Circolo Unione, in Corso Ruggero  a Cefalù.
Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Cefalù, Daniele Tumminello, dell’Assessore alla Cultura, Tony Franco, e dell’Assessore alle Politiche Sociali, Laura Modaro, seguirà un dialogo con l’autore condotto da Sabrina Miriana, Santa Valenziano e Giovanni Basile.
“Fiori mai nati” è un romanzo corale che racconta la storia di Piero Calamone, la cui vita viene sconvolta da una partita a carte dall’esito imprevedibile. Il romanzo esplora i temi della famiglia, del destino e della scelta.
“Malavita” è un romanzo che racconta la storia di quattro donne, Lucia, Provvidenza, Pipina e Grazia, che si trovano a dover affrontare le difficoltà della vita in una società maschilista. Il romanzo è un omaggio alla forza e alla resilienza delle donne.
L’incontro è un’occasione per conoscere da vicino Giankarim De Caro, uno dei più apprezzati scrittori italiani contemporanei, e per approfondire la lettura dei suoi romanzi.
L’incontro con Giankarim De Caro è un’occasione da non perdere per gli amanti della letteratura e per tutti coloro che desiderano approfondire la conoscenza della realtà siciliana.

Note sui libri

Malavita
Sullo sfondo di una Palermo decadente, due generazioni di prostitute si confrontano con la durezza del periodo che va dal primo Novecento alla seconda guerra mondiale, e con le difficoltà della loro condizione di donne sole.
Fiori mai nati
Fiori mai nati è la storia della famiglia Calamone, “gente miserabile, arrogante, cattiva”, come recita l’esergo del romanzo. Barone e baronessa – titoli a metà tra il legittimo e l’inciurioso – hanno messo alla luce una prole numerosa, e maledetta già prima della nascita: Totò, Ciccio, Piero, Peppino, Vito, Maria e Angela crescono a fatica, arrancando, in una Palermo buissima e sfinita dalle bombe americane.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto