Ecologia: la cioccolata sostenibile che non fa ingrassare

Un gruppo di ricercatori svizzeri ha sviluppato una ricetta innovativa per una cioccolata dolce, senza zucchero, che è anche sostenibile per l’ambiente. Questa scoperta potrebbe rivoluzionare il modo in cui consumiamo uno dei dolci più amati al mondo, migliorando sia la salute dei consumatori che l’impatto ambientale della produzione di cioccolato.

Gli scienziati svizzeri hanno trovato un modo per sostituire lo zucchero con gli scarti della pianta di cacao, utilizzando la polpa e il succo del frutto del cacao, noto come cabossa. Questo approccio non solo riduce il contenuto calorico del cioccolato, ma lo rende anche più nutriente. I dettagli di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Food. Secondo Kim Mishra, coordinatore dello studio, “Il frutto del cacao è sostanzialmente una zucca, e ne stiamo usando solo i semi”. I ricercatori hanno deciso di utilizzare anche la polpa e il succo della cabossa per creare un gel dolce da aggiungere ai semi di cacao, eliminando la necessità di zuccheri aggiunti. Questo metodo potrebbe rivoluzionare la produzione di cioccolato, rendendola più efficiente e sostenibile.

I test di laboratorio hanno mostrato che il nuovo metodo riduce l’uso di terreno e acqua del 6%. Tuttavia, le emissioni di gas serra sono aumentate del 12% a causa di un ulteriore passaggio di essiccazione che richiede molta energia. Mishra suggerisce che, se replicato su larga scala, il processo potrebbe essere più sostenibile utilizzando l’essiccazione al sole o pannelli solari, riducendo così le emissioni complessive. Questo è particolarmente importante considerando che il cioccolato è tra i cibi più inquinanti in termini di emissioni di gas serra, paragonabile alla carne. Un ulteriore vantaggio di questa innovazione è il potenziale incremento dei guadagni per i contadini nei Paesi tropicali dove viene coltivato il cacao. Convertire gli scarti della cabossa in dolcificante direttamente sul posto potrebbe migliorare le economie locali e ridurre i costi di trasporto e produzione.

Nonostante l’innovazione, la domanda sul sapore rimane cruciale. Mishra riconosce che aggiungere una componente umida come il gel dolcificante è normalmente proibito nella produzione di cioccolato, ma afferma che la cioccolata prodotta in laboratorio è “praticamente identica” a quella fondente tradizionale in termini di consistenza e sapore. La dolcezza si sprigiona in bocca più lentamente e offre note fruttate e un’acidità data dal succo. Resta da vedere se i consumatori saranno disposti a sacrificare un po’ di sapore per un prodotto più sano e ecologicamente sostenibile. Questa innovazione svizzera potrebbe rappresentare un passo importante verso una produzione di cioccolato più responsabile, capace di soddisfare sia le esigenze ambientali che quelle dei consumatori attenti alla salute.

Questa cioccolata innovativa potrebbe non solo rivoluzionare il settore dolciario, ma anche diventare un simbolo di come la scienza e l’innovazione possano contribuire a un futuro più sostenibile.

Cambia impostazioni privacy
Torna in alto