Realtime blog trackingRealtime Web Statistics Bollo Auto: Presto potrebbe essere abolito?
Cefalunews

Bollo Auto: Presto potrebbe essere abolito?

E’ tra le tasse più odiate degli italiani ma presto potrebbe essere abolita del tutto; parliamo del bollo auto, la tassa annuale che ogni proprietario/intestatario di una vettura è costretto a versare nelle casse dello Stato per il suo possesso.

Esso varia in base al veicolo ma rappresenta per tutte le famiglie una spesa non indifferente che pesa nel bilancio delle spese da affrontare ogni anno. Nell’opinione pubblica poi, è malvista poiché ritenuta ingiusta in quanto si presume di acquisire il possesso dell’auto già al momento dell’acquisto, mentre il bollo con cadenza annuale prevede un esborso fisso che non tiene conto dell’uso anche minimo che si fa del proprio mezzo di trasporto.

Il bollo auto potrà essere abolito direttamente dalle regioni

Da oggi, però, le cose potrebbero cambiare drasticamente. Una sentenza della Corte di Cassazione emessa dal Giudice Luca Antonini ha stabilito infatti cheall’interno del piano di maggiori autonomie che si sta attuando. Lo stesso Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio si è espresso favorevole a questo provvedimento che farebbe felici milioni di italiani. Tuttavia i modi ed i tempi di attuazione di tale iniziativa non sono ancora chiari, né facili da ipotizzare. Infatti questa tassa garantisce tuttora allo stato ingenti entrate e le stesse regioni non è detto che possano tutte decretarne l’abolizione, anzi, non è da escludere che alcune possano addirittura optare per un aumento, vista l’autonomia data loro.

Il dibattito sulla questione è più acceso che mai, si fomentava infatti di recente la possibilità di rendere il costo del bollo proporzionale alla classe di inquinamento del veicolo, in modo da farlo gravare maggiormente sulle auto più datate e cercare di velocizzare il processo di sostituzione; ipotesi sicuramente non presa bene dalla fetta di popolazione più colpita dalla crisi economica degli ultimi anni. L’ultimo avvenimento però può lasciare sicuramente maggiori speranze nei cittadini, questa sentenza infatti pone le condizioni affinchè questa odiosa ed onerosa tassa possa finalmente essere abolita, per la felicità di tutti.