Non comprare i broccoli in busta perchè fanno male. Ecco a cosa stare molto attenti

I broccoli sono una verdura tra le più buone che si può mangiare tra l’autunno e la primavera. Si conoscono divere qualità di broccoli. Anzitutto quelli bianchi, giallognoli, avorio, verdi, violetti che sono dalla spettacolare forma “a frattale” con molte piccole rosette coniche. Un’altra qualità di broccoli sono quelli ramosi le cui cui infiorescenze laterali quando vengono tagliate diventano quelli che in genere si chiamano broccoletti. Si trovano dal fruttivendolo ma anche sui banconi del supermercato. Per godere dei loro tanti benefici è importante saperli scegliere al momento dell’acquisto.

Da qualche tempo i broccoli sono venduti tagliati e puliti all’interno di buste di plastica. I broccoli sono impacchettati dalle aziende agricole e poi controllati dai fornitori locali. Si tratta di una delle innovazioni di maggiore successo degli ultimi anni nel settore agroalimentare. Risponde, infatti, all’esigenza più importante della nostra società che è quella di risparmiare tempo. Di fronte alla verdure confezionate, compresi i broccoli, non esiste supermercato che non li esponga su propri banconi. Ma ci si può fidare? In generale i broccoli in busta sono un prodotto sicuro solo se i produttori rispettano alcune regole nella preparazione. In caso contrario i broccoli in confezione possono risultare dannosi.

I broccoli in busta fanno male? Uno studio ha dimostrato che la verdura già confezionata, compresi i broccoli, è piena zeppa di virus, batteri e microrganismi. Il problema è legato al lavaggio con l’acqua. I broccoli prima di finire in busta vengono centrifugati per due volte dentro vasche dove l’acqua viene cambiata periodicamente. Dopo essere stati lavati vengono tagliati e imbustati. Purtroppo la sola acqua non basta ad eliminare i microrganismi e così in busta finiscono virus e batteri.

Certo se i broccoli in busta sono confezionati seguendo alcune regole igieniche elementari alla fine non ci sono problemi. Se invece si lavano con acqua già inquinata da microrganismi alla fine sulla tavola si rischia di portare oltre ai broccoli anche agenti patogeni quali Escherichia coli, Enterobacter sakazakü, Pseudomonas, Staphylococcus che provocano di tutto. Solo quest’ultimo porta sintomi quali eritema, follicolite, febbre, vesciche, tromboflebite e ostemielite. Ecco perchè è molto importante stare attenti quando si comprano i broccoli tagliati in busta.

In conclusione vi offriamo alcuni consigli per evitare di portare a casa con i broccoli in busta anche virus e batteri. Quando il sacchetto è gonfio con molta condensa non mangiare i broccoli ma buttali. In questo caso ci potrebbero anche essere alcune infiorescenxze attaccate alla superficie interna. Controllate anche se i broccoli non sono neri, appassiti e moli. Anche in questo caso è bene non mangiare i broccoli perchè significa che i batteri sono in azione e con molta probabilità vi darebbero problemi alla salute.