La parola ai protagonisti: una Tenenza a servizio dei cittadini

Hanno ridato il sorriso a due turisti che avevano perso tutto subito dopo il loro sbarco sulla spiaggia di Cefalù per fare un bagno. Hanno fermato il ladro che aveva portato via tutto ed hanno accolto nella loro caserma i due sfortunati turisti per rifocillarli. La Tenenza della Guardia di Finanza di Cefalù riceverà il riconoscimento di protagonista cefaludese 2016 nel corso della manifestazione che si terrà domenica 5 febbraio presso l’Hotel Riva Del Sole. Il comandante della Tenenza, Calogero Carollo, ha risposto alle nostre domande.

Cosa ricordi con piacere di Cefalù dell’anno appena trascorso?
Di Cefalù ricordo con piacere la tenacia di diversi Soggetti economici che, pur penalizzati da eventi a loro sfavorevoli, hanno avuto la forza e la caparbietà di “resistere” garantendo posti di lavoro e contribuendo a dare una buona immagine dei questa bellissima città amata da milioni di persone.

Cosa vorresti cambiasse a Cefalù con l’anno nuovo che è arrivato?
Mi auguro che davvero qualche cosa cambi: occorrerebbe un rilancio vero, sincero e disinteressato della nostra Città, che si traducesse in possibilità di lavoro sano e dignitoso per i nostri Giovani, in stragrande maggioranza bravi, ma spesso disoccupati anche per la mancanza di forze economiche che consentano loro di intraprendere e crearsi un’occupazione propria.

Che messaggio lanci ai lettori di Cefalunews?
Ai numerosissimi lettori di Cefalunews lancio la mia più fervida esortazione a sostenere questo ormai “nostro” Giornale ,che ogni giorno contribuisce in modo concreto, e spesso coraggioso, alla crescita della coscienza civica sotto tutti i punti di vista. Una Voce libera che dà voce a tutti, Cittadini e Istituzioni, è un patrimonio che abbiamo diritto e il dovere di preservare ad ogni costo!

Quale impegno senti di potere assumere, per il 2017, nei confronti della città di Cefalù?
L’impegno che mi sento di assumere per il 2017 nei confronti della nostra Città è quello di continuare a lottare da Cittadino per la sua quotidiana promozione a tutti i livelli. Non basta, infatti, comportarsi personalmente in modo esemplare, ma occorre essere un “pungolo” continuo e costruttivo verso tutti i concittadini e le Istituzioni; queste ultime vanno “spronate” offrendo collaborazione leale e fattiva, non mancando, però, di stigmatizzare con ogni lecito strumento eventuali condotte non “utili” per la Città ed i suoi abitanti. Se ognuno di noi si “prendesse cura” di tutti gli altri concittadini, ciascuno avrebbe 15000 persone che si “prendono cura” di lui…